Google+

A Port Said muoiono 74 persone. «L’esercito si è vendicato, hanno chiuso le porte dello stadio»

febbraio 3, 2012 Leone Grotti

La responsabilità dei morti di Port Said non pesa solo sulle spalle dei tifosi, come spiega a tempi.it l’inviata dal Cairo Kristen Chick. «Potrebbe essere una vendetta dell’esercito. Molti sono morti calpestati, la polizia ha chiuso le porte dello stadio».

A Port Said, Nordest dell’Egitto, al termine della partita tra la squadra locale Al Masri e quella del Cairo Al Ahli, l’1 febbraio, sono morte negli scontri tra tifoserie opposte 74 persone. Ma la rabbia espressa allo stadio dagli ultrà non è solo calcistica e la responsabilità della morte di così tante persone non è solo della follia dei singoli. «La polizia non ha neanche tentato di fermare la violenza» conferma a tempi.it Kristen Chick, inviata al Cairo per il Christian Science Monitor. «La gente stava guardando la partita alla televisione, tutti hanno visto quello che è successo questa volta».

Sarebbero proprio alcune scelte delle forze dell’ordine ad avere aumentato in modo drastico il numero delle vittime: «Quando la gente ha cominciato a scappare, la polizia ha chiuso le porte dello stadio. Questo è uno dei motivi per cui è morta così tanta gente: molti sono rimasti schiacciati, altri calpestati». Le immagini parlano chiaro: mentre le tifoserie fanno invasione di campo e arrivano a scontrarsi la polizia sta a guardare. E un motivo, forse, c’è: «Soprattutto i tifosi dell’Al Ahli, squadra della capitale, hanno partecipato attivamente alla rivoluzione e alle proteste contro l’esercito. C’erano sempre in piazza Tahrir, c’erano durante gli assalti alle ambasciate, c’erano durante le proteste in via Mohammed Mahmoud contro l’esercito e le forze dell’ordine, con cui si sono scontrati spesso». Ovviamente non ci sono «le prove di un atto intenzionale da parte della polizia, ma una vendetta è una spiegazione plausibile. Perché gli agenti sono rimasti fermi? Perché hanno chiuso le porte dello stadio? Perché non hanno controllato all’entrata prima della partita la gente, che portava coltelli e mazze? Nessuno ne può più di esercito e polizia. Il calcio c’entra poco».


Ieri ci sono state molte proteste al Cairo e a Suez, che hanno aggravato il bilancio delle vittime aggiungendo tre morti e almeno un migliaio di feriti a causa degli scontri tra manifestanti e polizia. In piazza, la gente ha preso di mira il Consiglio supremo delle forze armate che, «non bisogna mai dimenticarlo, detiene ancora il potere in Egitto» aggiunge Chick, che ieri si trovava in piazza al Cairo. «La folla chiedeva le dimissioni di Tantawi, il capo dell’esercito, e del ministro degli Interni. Hanno espresso rabbia anche nei confronti del Parlamento, anche se non si può dire che siano responsabili di quanto avvenuto. Ad ogni modo, la gente si è appostata per protesta davanti al ministero degli Interni, dove si trova tuttora».

Il governo egiziano, guidato all’80 per cento da Fratelli Musulmani e salafiti, ha chiesto le dimissioni del ministro degli Interni, mentre l’esercito ha ordinato quelle del governatore di Port Said e di tutti i vertici della federazione calcistica. «È inutile cacciarli» conclude Chick, «il vero problema è che esercito e polizia, come da tanto tempo ormai in Egitto, non difendono più il popolo. Ci vuole una riforma ma nulla di tutto ciò viene fatto. È per questo che esplode la rabbia, che continuerà anche oggi».
twitter: @LeoneGrotti

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.