Google+

La Consulta boccia il Porcellum

dicembre 4, 2013 Chiara Rizzo

Bocciati per i giudici della Corte costituzionale sia il premio di maggioranza che le liste bloccate. Ne rimane un sistema proporzionale puro a preferenze

La consulta ha votato l’incostituzionalità del Porcellum: bocciati per i giudici della Corte costituzionale sia il premio di maggioranza che le liste bloccate. Ne rimane un sistema proporzionale puro a preferenze. Secondo i rumors trapelati dal parlamento, intanto, Pd (sia per quanto riguarda il premier Enrico Letta, che il candidato alla segreteria del Pd Matteo Renzi) e Ncd sarebbero orientati a lavorare per un sistema presidenziale alla francese.

LETTA E QUAGLIARIELLO. I giudici della Consulta hanno spiegato che le motivazioni della sentenza sul Porcellum «saranno rese note con la pubblicazione della sentenza, che avrà luogo nelle prossime settimane e dalla quale dipende la decorrenza dei relativi effetti giuridici». Il premier Enrico Letta ha intanto smentito ufficialmente le voci su un accordo con Matteo Renzi: il premier «non farà patti né riservati né alla luce del sole con nessuno dei tre candidati» si legge su una nota stampa di Palazzo Chigi. Intanto il ministro alle Riforme istituzionali, Gaetano Quagliariello, ha reso noto che se il Parlamento non varerà a breve una riforma elettorale, il Governo «interverrà, non per decreto, ma in un altro modo. Lo deve fare perché questo Governo tra i suoi punti programmatici aveva e ha la riforma delle istituzioni».

GRASSO E IL SENATO. Ieri sulla stasi di una riforma elettorale era intervenuto il presidente del Senato Piero Grasso, che quasi aveva “minacciato” di trasferire la discussione in materia alla Camera se Palazzo Madama non si fosse dato una mossa. «I gruppi parlamentari non riescono a trovare un accordo politico, dimostrando di non sentire la marea montante di una rabbia che si riverserà, più forte di prima, contro tutti i partiti» aveva detto e poi ha avvertito: «Se lo stallo dovesse continuare, nonostante i recenti sviluppi politici, non esiterò un attimo a sostenere il trasferimento di questo tema alla Camera dei Deputati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Luca says:

    Ora gli abusivi, chi è entrato col premio di maggioranza deve andare a casa.
    La legge elettorale diventa proporzionale ad una preferenza come decisero gli elettori col referendum del 1992, referendum scippato da incopetenti come Segni ed altri che l’anno dopo misero su un referendum truffa, che ha squassato la politica.
    Questo parlamento non è leggitimato a cambiare la legge, e quindi si va a votare subito con la legge proporziaonale, ad una preferenza.
    Il nuovo Parlamento con parlamentari scelti dal popolo, riscriverà le regole.
    QUESTA E’ UNA VENDETTA DI MARCO FOLLINI, Casini scese a patti con Berlusconi e sconfessò il suo segretario, che non accettò la legge senze le preferenze.
    La storia, ritorna sui suoi passi, lo sta facendo anche con Aldo Moro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download