Google+

Pompei. Commissariata la Cisl locale, ma «va fatta anche un’operazione verità sui dirigenti di certi uffici pubblici»

giugno 25, 2014 Matteo Rigamonti

«Se i cancelli sono rimasti chiusi e 500 turisti non hanno potuto visitare Pompei, qualcuno deve pur averlo autorizzato. Mi chiedo se il ministro Franceschini controlli veramente il suo ministero». Parla Giovanni Faverin (Cisl Funzione Pubblica)

Alla fine la Cisl di Napoli ha commissariato quella di Pompei. Proprio come aveva annunciato domenica scorsa il segretario generale Raffaele Bonanni, dopo che i dipendenti pubblici dell’importante sito archeologico che sorge alle pendici del Vesuvio, avevano impedito a 500 turisti l’ingresso per circa due ore. Il motivo? La convocazione di un’assemblea sindacale in concomitanza con l’orario di apertura dei cancelli, che così sono rimasti chiusi in faccia ai visitatori. Non certo la migliore delle pubblicità per uno dei più visitati, dai turisti di tutto il mondo. patrimoni dell’umanità in Italia. Quei rappresentanti sindacali che si sono resi protagonisti dell’iniziativa, ora, saranno «sospesi dal sindacato». Lo assicura a tempi.it Giovanni Faverin, segretario generale della Cisl Funzione Pubblica, secondo cui «ha ragione Bonanni quando dice che i turisti non possono in alcun modo essere usati come ostaggi». Ma aggiunge: «Ci sarebbe bisogno anche di un’operazione verità».

OPERAZIONE VERITA’. «Di un’operazione verità ci sarebbe bisogno – spiega Faverin – perché non è possibile che queste cose succedano sempre e solo in certi uffici pubblici. Simili episodi, infatti, non si verificherebbero se non ci fossero dirigenti conniventi. Mi chiedo, pertanto, se il ministro dei Beni culturali sia veramente in grado di controllare il suo ministero». Poi, commentando le parole di Bonanni, Faverin ribadisce: «Nessun servizio pubblico può essere interrotto a discapito dell’utenza. È ciò che già succede, per esempio, negli ospedali, dove prima di convocare le riunioni sindacali si fanno tutte le verifiche del caso, anche sulla compatibilità con le liste di attesa». Ed è quello che andrebbe fatto in ogni altro ambito della pubblica amministrazione, compresa Pompei. «Troppe volte, infatti, sono stati commessi simili errori – prosegue – e ogni volta sono stati prontamente strumentalizzati. Posso assicurarvi che la Cisl, da parte sua, è sempre intervenuta rimuovendo i responsabili».

AFFARISTI DELLA P.A.. Il vero problema, però, secondo Faverin è a monte: «Ci sono dirigenti che utilizzano i loro incarichi pubblici come fossero dei veri affaristi. In un Paese come il nostro, che già spende poco per i beni culturali, esistono interessi poco chiari che si perdono tra tantissime gestioni e appalti. Limitarsi a dire “facciamo entrare il privato” sarebbe troppo semplice. C’è bisogno – secondo Faverin – di andare fino in fondo e, dal di dentro, individuare i responsabili. Perché, se quelle riunioni ci sono state, qualcuno le deve pur avere autorizzate. Il ministro Franceschini approfitti di questo faro puntato su Pompei per fare chiarezza una volta per tutte. Altrimenti possiamo così ripetere che la pubblica amministrazione deve rinnovarsi e assumere i giovani; ma poi non cambia mai nulla e il pubblico rimane terreno dove prosperano consolidati gestori di affari privati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. blues188 says:

    Ma chi se ne frega di Pompei?? Non ci hanno fregato già troppi soldi? Quanto personale ha, questo posto, e quanti lavorano magari mettendo solo una pietra sull’altra, una al giorno per non sudare troppo (sia mai che possa succedere a Pompei!!)? Sono secoli che buttiamo soldi guadagnati con fatiche delle quali a Pompei non conoscono neppure il significato? Solo in Italia può succedere, solo qui da noi!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download