Google+

Polonia, raccolte 600 mila firme: in Parlamento una legge contro l’aborto

luglio 2, 2011 Benedetta Frigerio

La società polacca si è mossa dal basso e ha portato in Parlamento una legge che vuole abolire l’aborto. L’iniziativa è partita dalla Fundacaji Pro (fondazione per la vita) ed è sostenuta da giornalisti, avvocati e altri laici. La Chiesa polacca con il cardinale Stanislaw Dziwisz appoggia il movimento. In Polonia, secondo un sondaggio, il 65% della gente è contraria all’aborto

In controtendenza rispetto all’Europa, la Polonia potrebbe varare a breve una legge che abolisce l’aborto. La pratica è legale da ormai quarant’anni ma si è sollevato un vero e proprio movimento popolare contrario l’aborto. La proposta di legge infatti non viene dall’alto. Perché una proposta venga valutata in Parlamento, devono essere raccolte almeno 100 mila firme, la Fundacaji Pro (fondazione per la vita) ne ha riunite ben 600 mila.

Il disegno di legge, una volta al voto, se ottenesse il 50 per cento più uno dei consensi passerebbe a una commissione, poi al senato e infine al presidente. Se venisse accettata, la legge comporterebbe il carcere da 3 a 8 anni per i medici che pratichino l’aborto o per chiunque lo istighi. Mentre per la madre non ci sarebbe alcuna sanzione. Un segnale nuovo e unico in tutta Europa. Jeak Sapa, presidente della Fundacaji Pro, ha fatto sapere che c’è un modo per evitare che il potere anestetizzi le coscienze: «Abbiamo agito in segreto. Nessuno fuori dai confini polacchi doveva sapere, soprattutto quel mondo anglofono dove agiscono i media, fondazioni, lobby che finanziano gli Stati per diffondere una cultura della morte».

Così, senza il bombardamento di stampa e media l’iniziativa ha coinvolto sempre più persone, con avvocati, giornalisti e altri gruppi che hanno ingrossato le fila del movimento. Gli avvocati hanno anche scritto alla Camera polacca che «i legislatori non hanno una competenza illimitata. Alla fine la legge deve valutare che cosa serva o meno all’uomo. Siamo convinti che la legge polacca debba difendere la vita senza eccezioni e diventare avvocato del vero progresso internazionale dei diritti umani». Molti giornalisti invece hanno fatto sapere che «una ragione che vieti l’aborto in qualsiasi caso permette di potenziare realmente il sostegno della donna».

Anche altre associazioni laiche sono intervenute nel dibattito e sono state sostenute con decisione da tutta la Chiesa polacca. A farle da portavoce il cardinale di Cracovia, Stanislaw Dziwisz, che ha dichiarato: «La Chiesa insegna chiaramente che i cattolici sono obbligati a non coprire il compromesso attuale, ma a puntare alla protezione totale della vita. La proposta è quindi una soluzione invocata dalla Chiesa». Ma la forza della Chiesa polacca non basta. A partire dall’ultimo sondaggio del 3 giugno, negli ultimi anni le persone favorevoli all’aborto siano diminuite notevolmente, con una percentuale passata dal 57 al 40 per cento, mentre i contrari aumentavano dal 36 al 65 per cento. Dello stesso avviso un sondaggio di quest’anno, che registra che l’85 per cento dei polacchi si definisce “difensore della vita”.

«Come guidò al collasso dell’Unione Sovietica – si legge sul sito della fondazione Fundacaji pro – siamo speranzosi che che la cattolica Polonia darà la spinta anche al collasso della mentalità atea e secolarizzata dell’Unione Europea. Potrebbero volerci altri 50 anni, ma attraverso la fede dei cattolici, la guida di papi coraggiosi e dello Spirito Santo sappiamo che il demonio sarà sconfitto». Un auspicio che coincide proprio con l’inizio del semestre di presidenza polacca all’Unione Europea.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. mario franda scrive:

    E’ veramente un notevole passo avanti verso la “libertà”…E questo proviene proprio dalla Nazione che ha visto come Santo Padre il nostro amato Karol Woytyla. Per la seconda volta dalla Polonia viene l’amore per la vita, l’amore per Cristo a dispetto di un Unione Europea che sotto il falso retaggio di proteggere gli interessi dell’uomo contribusce sempre più a renderlo schiavo di leggi di morte! Grazie Signore. Mario

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana