Google+

Stavolta tocca alla Polonia: Onu chiede a Varsavia aborto libero. In nome dei diritti dei minori

novembre 27, 2015 Benedetta Frigerio

La stessa Commissione delle Nazioni Unite che aveva “processato” la dottrina della Chiesa ora prende di mira la Polonia. «Chiudete le ruote degli esposti»

onu-ansa

La Commissione Onu per i diritti dei minori colpisce ancora. Dopo avere tentato un’operazione analoga con la Chiesa cattolica, l’organismo delle Nazioni Uniti che vigila sull’attuazione della Convenzione per i diritti dei minori si concentra questa volta sulla Polonia, alla quale indirizza “raccomandazioni” simili nel contenuto a quelle inviate nel febbraio 2014 alla Santa Sede: combattere “omofobia”, censurare gli “stereotipi di genere”, migliorare l’accesso all’aborto. Naturalmente in nome dei diritti dei bambini. Riportando la notizia del rapporto pubblicato pochi giorni fa, qualche giornale ha osservato che il testo della commissione «pare scritto secondo le richieste della sinistra».

«MENO RESTRIZIONI». In Polonia la legge già ammette l’aborto nei casi di malformazione del nascituro, di violenza sessuale e di rischio per la salute materna. Ma per l’Onu non è abbastanza. La Polonia, si legge nel documento, dovrebbe «creare le condizioni per un aborto meno restrittivo», stabilendo come minimo degli «standard chiari per una interpretazione uniforme e non restrittiva delle condizioni e delle procedure per l’aborto legale».

«NO ANONIMATO». Ma la raccomandazione che ha generato lo sconcerto maggiore – anche perché riguarda una polemica tra Varsavia e il Palazzo di Vetro che va avanti da anni – è la richiesta di chiudere le 57 ruote degli esposti sparse sul territorio nazionale. In Polonia si tratta in genere di vere e proprie finestre aperte nei muri esterni dei conventi per consentire alle madri in difficoltà di affidare i propri figli rimanendo nell’anonimato. Una pratica che secondo le Nazioni Unite lederebbe il diritto dei bambini di conoscere i propri genitori.

STEREOTIPI DI GENERE. Non è finita. Nelle raccomandazioni Onu si legge anche che in Polonia «prevalgono ancora gli stereotipi di genere» e che servono leggi contro l'”omofobia” che limitino la libertà di espressione. Secondo l’Onu, poi, nel paese degli «stereotipi di genere» occorrerebbe incrementare l’accesso alla «contraccezione moderna».

77 BIMBI SALVATI. Il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Stanislaw Szwed, ha già fatto sapere alla stampa che il nuovo governo, il primo monocolore di centrodestra dalla caduta del Muro, non ha alcuna intenzione di cambiare la legge sull’aborto (la difesa della vita è stato uno dei temi della campagna elettorale di Diritto e giustizia, il partito vincitore). Mentre Marek Michalak, difensore civico dei minori della Polonia, ha ricordato come le “finestre degli esposti”, che l’Onu vorrebbe chiudere perché contrarie ai diritti dei bambini, solo l’anno scorso hanno salvato la vita a 77 neonati.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. recarlos79 says:

    ci sarà la risposta di uno stato creato apposta per dar sostegno a tutte le chiese del mondo e che si chiama vaticano? se non ci sarà a che servirà tenerlo?

  2. Edo says:

    A quando una guerra contro l’ONU?

  3. filippo81 says:

    L’onu è uno dei principali ostacoli allo sviluppo dei popoli .

  4. Sebastiano says:

    Immagino che ora l’ONU chiederà all’Arabia Saudita di far rispettare queste raccomandazioni.
    Ma questi parassiti, chi li paga?

    • Filippo81 says:

      Sicuramente Sebastiano,non solo, vedrai che tra un po’ il califfato degli assassini verrà riconosciuto ufficialmente e ammesso all’onu

    • Carla says:

      Sebastiano, purtroppo li paghiamo noi. Noi! Un po come il canone RAI in bolletta luce, ci tolgono i soldi per finanziare agenzie di cui il mondo non ha devvero bisogno! Grande Polonia resisti, almeno tu, al tentativo di farti dire come vivere! meglio poveri che schiavi! GAUDE MATER POLONIAE!

  5. luca says:

    Però se sostenete che la ruota degli esposti lede il diritto dei minori di conoscere i propri genitori diteci almeno due parole sulla fecondazione assistita, magari eterologa, signore commissioni onu

  6. guido says:

    ONU. Organizzazio

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi