Google+

Polonia, direttore di ospedale si rifiuta di fare un aborto: licenziato. «Ormai se non uccidi, vieni eliminato dagli incarichi manageriali»

agosto 4, 2014 Redazione

Il sindaco di Varsavia ha deciso di licenziare il dottor Bogdan Chazan, direttore dell’ospedale della Santa Famiglia, divenuto sotto la sua responsabilità uno dei più rinomati della città

Prezentacja orêdzia Ojca Œwiêtego FranciszkaAlla fine Bogdan Chazan (foto a fianco) è stato licenziato e dunque non ricoprirà più il ruolo di direttore dell’ospedale della Santa Famiglia a Varsavia. Il medico polacco era stato multato per essersi rifiutato di fare abortire una donna, ricorrendo all’obiezione di coscienza.

IL LICENZIAMENTO. Il sindaco di Varsavia Hanna Gronkiewicz-Waltz ha però deciso di licenziare il medico per non aver riferito la donna a un dottore disponibile a farla abortire. Secondo la legge, fornire il nome di un altro dottore è obbligatorio ma la norma è controversa ed è attualmente oggetto di un ricorso al Tribunale costituzionale da parte del Consiglio nazionale dei medici.

«OBIEZIONE DI COSCIENZA VIETATA». Secondo Chazan, il suo caso è emblematico di un nuovo clima in Polonia «dove non si può più esplicitamente fare obiezione di coscienza». Per il dottore «è una punizione dolorosa e ingiusta visto che sotto di me l’ospedale si è sviluppato e modernizzato, diventando uno tra i più popolari di Varsavia. Un ospedale in cui però io non voglio praticare aborti. Altrimenti al posto di Santa Famiglia, dovremmo chiamarlo Felix Dzerzhinsky (membro polacco della polizia segreta sovietica, ndr)».

«CHI NON UCCIDE VIENE ELIMINATO». Dopo il licenziamento, Chazan ha anche dichiarato: «la decisione di oggi è l’inizio di un attacco sferrato contro la coscienza  dei dottori e delle persone che lavorano in posizioni manageriali nell’ambito della sanità. È una violazione della loro coscienza. Obbedire alle leggi della natura, soprattutto e prima di tutto a quella che proibisce di uccidere una persona, diventerà probabilmente una ragione per eliminare queste persone da incarichi manageriali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. augusto scrive:

    Nella Polonia, Protettorato fedele degli angloamericani, guai a chi tocca il Pensiero Unico!

  2. lucillo scrive:

    Non era obbligato a praticare l’aborto ma a rispettare la legge che gli impedisce di ostacolarlo COME MEDICO PUBBLICO PAGATO CON SOLDI PUBBLICI semplicemente dando un indirizzo.
    Era già stato richiamato e multato (non si capiva dall’articolo precedente a lui dedicato) ed ora licenziato. Giusto.

    • michelangelo scrive:

      E’ vero! Proprio come i soldati nazisti, pagati da soldi pubblici, non potevano esentarsi (per volgari questioni di coscienza) di compiere genocidi,,, (è la patria che lo comanda)!

      • Lucillo scrive:

        Hai ragione, Michelangelo, mi hai fatto capire che ho scritto una solenne bestialità. Chiedo perdono a tutti per la mia perfidia e la mia insipienza. Ormai l’annebbiamento ideologico mi fa sragionare. Perdonatemi tutti. Solidarietà al medico ingiustamente licenziato.

    • augusto scrive:

      Proprio perche è pagato con soldi pubblici DEVE tutelare la vita, ah Lucillo !

  3. Daniele Arboscelli scrive:

    Piena e incondizionata solidarietà al medico perseguitato per aver fatto il medico, ossia per essersi preso cura della vita.

  4. Martino scrive:

    Meglio Licenziati che assassini!

    Non si preoccupino, il Signore renderà giustizia!

  5. Valentina scrive:

    Se il medico non voleva praticare l’aborto, ma per legge era tenuto a indirizzare la donna a un altro medico disponibile a eseguirlo, doveva farlo e ha violato la legge. Un medico ha certamente il diritto all’obiezione di coscienza, ma anche una donna ha il diritto di abortire se, per qualsiasi motivo, ha preso questa decisione. Se c’è una legge che regola l’aborto, questa legge dev’essere rispettata e la sua applicazione dev’essere comunque garantita.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana