Google+

Polito: «Liberalizziamo il mercato del gas, dell’acqua e dei trasporti»

gennaio 13, 2012 Chiara Rizzo

Intervista ad Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera: «Gas, con Eni c’è un soggetto che stacca cospicui dividendi allo Stato; trasporti, ci sono una miriade di soggetti compartecipati da enti locali; acqua, ha influito la recente bocciatura del referendum, pura demagogia. È difficile intervenire quando è lo Stato ad avere le carte in mano»

In un editoriale pubblicato sul Corriere della Sera, Antonio Polito invita ad una riflessione fuori dal coro sulle liberalizzazioni. Polito annota anzitutto che le spese maggiori che gli italiani devono sostenere sono più sulle bollette del gas, o sul costo dei trasporti pubblici e in particolare ferroviari. Il giornalista segnala anche che per ora Antonio Catricalà (ex presidente dell’Antitrust e attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri) ha chiuso il dibattito sul gas («Non è una priorità»); mentre il precedente governo Berlusconi ha proibito, con un decreto legge, ai treni locali di effettuare fermate tra una regione e l’altra, ostacolando così la concorrenza degli operatori regionali a Ferrovie dello Stato. Polito invita a guardare sì la pagliuzza (le professioni “chiuse” su cui il governo Monti vuol intervenire) ma anche la trave: «Quanti giornalai, tassisti e farmacisti liberalizzati ci vogliono per fare un mercato del gas liberalizzato?» scrive.

Perché secondo lei, pur essendoci stati rincari del 43,3 per cento sul gas, del 25,5 per cento sull’acqua, e del 23,6 per cento sui trasporti ferroviari, su questi settori non si parla di maggiori liberalizzazioni?
Per parlare se ne parla anche, ma il problema è capire cosa farà il governo e cosa tollererà il Parlamento. Il punto è che in questi settori il soggetto che guida è pubblico: nel caso del gas, con Eni, c’è un soggetto che stacca cospicui dividendi allo Stato; mentre per i trasporti locali ci sono una miriade di soggetti compartecipati da enti locali. Per l’acqua sicuramente ha influito la recente bocciatura del referendum, che purtroppo si è svolto sull’onta di una certa demagogia. Infatti non è affatto vero che lasciare l’acqua agli enti pubblici significa averla più economica per tutti visto che, anche dopo il referendum, le tariffe sull’acqua sono aumentate e il servizio di distribuzione non è diventato più efficace. È difficile dunque intervenire in questi ambiti, perché sono settori in cui è il pubblico o lo Stato che ha le carte in mano. Ma io sono convinto che non è giusto chiedere al piccolo privato ciò che lo Stato non chiede anzitutto a se stesso in una scala ben più grande.

Perché converrebbe allo Stato liberalizzare, se da questi settori ha già forti guadagni diretti?
Perché non è un gioco a somma zero: la liberalizzazione anzi fa la “torta” più grande e quindi ci sarebbero fette più grandi anche per lo Stato, se entrassero in gioco altri players. Bisogna poi considerare, non da meno, se dalle liberalizzazioni in questi settori ci guadagnerebbero di più i cittadini e se si produrrebbero più posti di lavoro. Un esempio storico ci può far riflettere: quando Margaret Thatcher liberalizzò British Telecom si persero inizialmente 100 mila posti di lavoro, ma poco dopo se ne guadagnarono 350 mila.

Secondo Adusbef e Federconsumatori ci sarebbero ricadute positive di 22 miliardi di euro per le liberalizzazioni attualmente previste dal governo Monti. Lei cosa ne pensa?
Anzitutto, visto che il governo ha annunciato di intervenire anche nel settore energia e sulle banche, mi aspetto che lo faccia in questi settori. Sul resto, non posso dire se gli esiti delle liberalizzazioni sulle professioni abbiano effettivamente ricadute così cospicue, ma penso che in generale diano vantaggi. Quando il governo Prodi, con Bersani, aprì alla vendita di alcuni farmaci da banco, portando alla nascita delle parafarmacie, non solo abbiamo visto diminuire i prezzi di alcuni farmaci, ma anche l’avvio di un business che ha dato occupazione e lavoro, pur non facendo perdere introiti significativi alle farmacie. Credo che nel parlare di liberalizzazioni bisogna star attenti, perché generalmente l’opinione pubblica le recepisce come privatizzazione. Liberalizzare significa solo consentire anche ad altri privati di entrare nel gioco, a parità di condizioni di chi già c’è. Basta lacci, ecco quello che serve. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. angelo41 scrive:

    Abbiamo già la facoltà di cambiare gestore per gas, luce e telefoni, ma non è cambiato molto, perchè si fa riferimento sempre al gestore preesistente. In particolare le letture e determinati interventi sulla linea, sui fili o sui tubi dipendono sempre dal vecchio gestore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana