Google+

Politkovskaya, i giurati si assentano, processo da rifare

novembre 14, 2013 Chiara Rizzo

È il secondo processo che si celebra per l’omicidio della giornalista russa. Sul banco degli imputati tre fratelli ceceni, il loro zio, e un ex poliziotto ritenuti organizzatori ed esecutori materiali

I figli della Politkovskaya, Ilya e Vera, al processo

Azzerato il processo Politkovskaya: stamane i giurati chiamati a giudicare sull’assassinio della giornalista russa Anna Politkovskaya per vari motivi non si sono presentati in aula, e il Tribunale cittadino di Mosca ha deciso di azzerare il processo per nominare una nuova giuria popolare il 14 gennaio prossimo. Sul banco degli imputati quattro ceceni e un ex ufficiale della polizia di Mosca.

NUMERO LEGALE. In Russia, perché un processo sia valido occorre che la quota dei giurati presenti sia superiore a dodici: oggi l’assenza di tre persone, che hanno notificato di non poter più presenziare per problemi di salute o di lavoro, ha reso impossibile il proseguo del processo avviato a luglio. La Politkovskaya, assassinata nell’ottobre 2006 nell’ascensore di casa, era una giornalista molto nota in patria, per la sua posizione estremamente critica nei confronti dell’amministrazione Putin e le inchieste scomode sulla guerra in Cecenia.

LE ACCUSE. Contro questo processo si erano già espressi i figli della Politkovskaya proprio per la scelta dei giurati. Secondo i due giovani, la corte aveva preso delle persone senza nemmeno consultarle. Comunque i figli della Politkovskaya hanno deciso di seguire tutte le udienze. Il processo è già il secondo sulla morte della giornalista: nel 2009, il primo si è concluso con l’assoluzione per insufficienza di prove di due fratelli, Ibragim e Dzhabrail Makhmudov. Oggi però i due, ceceni, si ritrovano imputati, insieme al fratello Rustam, latitante all’epoca del primo processo. Secondo l’accusa sarebbero loro gli esecutori materiali dell’omicidio, insieme all’ex dirigente della polizia, Sergei Khadikurbanov. I quattro sarebbero stati reclutati dallo zio dei Makhmudov, Lom-Ali Gaitukayev, accusato di aver organizzato l’omicidio per conto di mandanti ad oggi ancora ignoti. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.