Google+

Politkovskaya, i giurati si assentano, processo da rifare

novembre 14, 2013 Chiara Rizzo

È il secondo processo che si celebra per l’omicidio della giornalista russa. Sul banco degli imputati tre fratelli ceceni, il loro zio, e un ex poliziotto ritenuti organizzatori ed esecutori materiali

I figli della Politkovskaya, Ilya e Vera, al processo

Azzerato il processo Politkovskaya: stamane i giurati chiamati a giudicare sull’assassinio della giornalista russa Anna Politkovskaya per vari motivi non si sono presentati in aula, e il Tribunale cittadino di Mosca ha deciso di azzerare il processo per nominare una nuova giuria popolare il 14 gennaio prossimo. Sul banco degli imputati quattro ceceni e un ex ufficiale della polizia di Mosca.

NUMERO LEGALE. In Russia, perché un processo sia valido occorre che la quota dei giurati presenti sia superiore a dodici: oggi l’assenza di tre persone, che hanno notificato di non poter più presenziare per problemi di salute o di lavoro, ha reso impossibile il proseguo del processo avviato a luglio. La Politkovskaya, assassinata nell’ottobre 2006 nell’ascensore di casa, era una giornalista molto nota in patria, per la sua posizione estremamente critica nei confronti dell’amministrazione Putin e le inchieste scomode sulla guerra in Cecenia.

LE ACCUSE. Contro questo processo si erano già espressi i figli della Politkovskaya proprio per la scelta dei giurati. Secondo i due giovani, la corte aveva preso delle persone senza nemmeno consultarle. Comunque i figli della Politkovskaya hanno deciso di seguire tutte le udienze. Il processo è già il secondo sulla morte della giornalista: nel 2009, il primo si è concluso con l’assoluzione per insufficienza di prove di due fratelli, Ibragim e Dzhabrail Makhmudov. Oggi però i due, ceceni, si ritrovano imputati, insieme al fratello Rustam, latitante all’epoca del primo processo. Secondo l’accusa sarebbero loro gli esecutori materiali dell’omicidio, insieme all’ex dirigente della polizia, Sergei Khadikurbanov. I quattro sarebbero stati reclutati dallo zio dei Makhmudov, Lom-Ali Gaitukayev, accusato di aver organizzato l’omicidio per conto di mandanti ad oggi ancora ignoti. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana