Google+

Le Pmi italiane “perdono” 269 ore l’anno per parlare col Fisco. Sessanta in più di quelle tedesche

maggio 14, 2014 Matteo Rigamonti

L’Italia è tra i grandi Paesi europei quello che «pone sulle proprie imprese il carico maggiore in termini di adempimenti fiscali, che da noi sono 15 contro i 9 della Germania».

Le imprese italiane impiegano ogni anno «269 ore per assolvere gli obblighi fiscali contro le 207 della Germania e 15 adempimenti l’anno contro 9» di Berlino. Ad ammetterlo è stata Fabrizia Lapecorella, direttore generale del dipartimento Finanze del Tesoro, ieri in audizione alla Commissione finanze del Senato per discutere del rapporto tra contribuenti e fisco. Un grave squilibrio competitivo che significa più ore spese dagli imprenditori sulle scrivanie, tra scartoffie e cartelle, ma meno da dedicare alle produzione e all’innovazione in azienda o alla ricerca di nuovi mercati nel mondo. Per capirci: 269 ore sono 33 giornate lavorative di 8 ore l’una ogni anno, cioè quasi due mesi di tempo.

I PIÙ GRAVATI DAL FISCO SIAMO NOI. Fa un certo effetto sentire un alto dirigente dell’amministrazione pubblica ammettere che, sì, l’Italia è tra i grandi paesi europei quello che «pone sulle proprie imprese il carico maggiore in termini di compliance», termine tecnico con cui il complesso sistema fiscale italiano indica l’adempimento spontaneo dell’obbligazione tributaria da parte delle imprese. Senza contare che, al netto della “spontaneità” e dei buoni propositi dei nostri imprenditori verso l’Agenzia delle entrate, i controlli dello Stato attraverso la miriade dei suoi enti pubblici, dall’Inps ai Vigili del Fuoco, sono quasi cento: 97 controlli l’anno come ricordato di recente dalla Cgia di Mestre. Un mole di carta tale da scoraggiare anche il più avventuroso tra i capitani d’impresa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download