Google+

Planned Parenthood, nuove rivelazioni in arrivo. E Coca-Cola ritira le donazioni al colosso degli aborti americano

luglio 29, 2015 Benedetta Frigerio

I video “undercover” del Center for Medical Progress hanno portato diversi Stati americani ad aprire indagini. Al Congresso, intanto, è stato proposto di ritirare i «circa 500 milioni» di finanziamento federale

Dopo la pubblicazione del secondo video “undercover” del Center for Medical Progress, che secondo gli autori dimostrerebbe il coinvolgimento dei vertici della Planned Parenthood Federation in una gigantesca attività di commercio di organi e tessuti di bambini, l’immagine del colosso degli aborti americano ha subìto un danno senza precedenti. Oltre all’opinione pubblica, anche la politica e il mercato delle multinazionali hanno reagito.

500 MILIONI DI FONDI. Due giorni dopo lo scoppio dello scandalo, che ha immediatamente fatto il giro del mondo, la repubblicana Diane Black ha promosso alla Camera un disegno di legge, il Defund Planned Parenthood Act, che prevede lo stop dei finanziamenti federali alle cliniche abortive finché non sia fatta luce sul caso. Le accuse sono quelle di vendita illegale dei tessuti abortivi, a cui i leader del colosso hanno risposto parlando di «donazioni volontarie» rimborsate, ma anche di aborti a nascita parziale, vietati dalla legge federale.
Come ha sottolineato Black, i finanziamenti pagati con le tasse dei contribuenti ammontano a «circa 500 milioni» e vengono usati per pagare «circa 327 mila aborti all’anno». Il repubblicano James Lankford, che ha proposto in Senato una legge simile, ha aggiunto che se i finanziamenti fossero bloccati «i dollari federali andrebbero a organizzazioni come i centri di salute locali, che servono la popolazione a basso reddito, provvedendo direttamente alla salute delle donne di tutto il paese».

IL BUDGET. Secondo un rapporto del Gao (Government Accountability Office), i fondi che vengono versati ai centri abortivi si aggirano intorno ai 400 milioni di dollari all’anno, ottenuti anche attraverso il Medicaid, programma di assistenza sanitaria per i poveri e i disabili e il Chip, che fornisce le cure ai bambini della classe medio bassa. Altre fonti parlano invece di 520 milioni di dollari di finanziamenti pubblici su un budget totale di 1,3 miliardi di dollari. Oltre a questi, Planned Parenthood riceve fondi attraverso donazioni private.

FUGA DEGLI SPONSOR. Delle 41 compagnie che donano privatamente soldi alla Planned Parenthood, molte hanno chiesto di essere rimosse dalla lista degli sponsor. Fra queste ci sono Coca-Cola, Ford Motor, Fannie Mae, American Cancer Society, United Way, American Express, e AT&T. A livello locale anche i governatori di Virginia, Kansas, Missouri e Texas hanno aperto indagini chiedendo lo stop dei finanziamenti alle cliniche.

ACCUSATI GLI AUTORI DEI FILMATI. Il colosso degli aborti ha reagito accusando gli autori dell’inchiesta di spionaggio. E su sollecitazione di alcuni membri democratici della Camera, il dipartimento di Giustizia del governo federale di Barack Obama, nella persona del suo procuratore generale, Loretta Lynch, ha deciso di aprire un’indagine anche contro il Center for Medical Progress, per verificare se abbia commesso crimini nella realizzazione dei video. Quattro senatori democratici (Jan Schakowsky, Zoe Lofgren, Jerry Nadler e Yvette Clarke) hanno infatti parlato dei filmati “undercover” come del prodotto di «false identificazioni», girati senza l’approvazione degli interessati.

NUOVE RIVELAZIONI. Queste accuse difficilmente riusciranno a intimidire gli autori dei filmati, anzi. Sembra che per la Planned Parenthood le brutte notizie non siano finite. David Daleiden, il giovane attivista pro life ideatore dell’inchiesta durata ben tre anni, ha parlato di un’altra dozzina di video e di 200 pagine di documentazione ancora nel cassetto. Ha anche aggiunto che le rivelazioni più sconcertanti sui vertici dell’industria abortiva non sono ancora state diffuse. Il prossimo round, ha avvertito, è previsto per settembre.

Foto Ansa/Ap federa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. AndreaB scrive:

    Questa è la dimostrazione che non ci si può fidare di chi promuove l’aborto.
    Nessun rispetto per la vita, nessun rispetto per l’uomo. Produzione e uccisione di esseri umani… Uccisione di bambini.
    Tra i peggiori assassini, finanziati dalle più grandi multinazionali e dallo stato americano, dai democratici… Non ci sono parole, solo orrore e vergogna anche per quei democratici che invece di ringraziare e applaudire i produttori dei video che hanno smascherato quegli assassini, li osteggiano.

    • jb Mirabile-caruso scrive:

      AndreaB: “Non ci sono parole, solo orrore e vergogna anche per quei democratici che invece di
      ……………ringraziare ed applaudire i produttori del video che hanno smascherato quegli assassini,
      ……………li osteggiano”………………………………………………………………………………………

      Mi sto domandando, signor AndreaB, quanti milioni di altri democratici che non condividono né l’aborto né Mr. “Loveislove” si sentano civicamente, eticamente e moralmente CORRESPONSABILI di avere riposto la loro FIDUCIA nel Partito Democratico. E quanti di costoro si rifiuteranno di riconfermargli la fiducia alle prossime elezioni.

      Per l’ennesima volta avverrà, alle prossime elezioni, la galvanizzazione dei voti per questo o l’altro Partito per non far vincere l’avversario, con il risultato finale che entrambi i Partiti sono, di fatto, delle dittature libere di tradire i loro elettori come meglio vogliono.

      E questo sconcertante paradosso si chiama – e seriamente si CREDE – essere Democrazia!!!

      Cordialmente.

  2. yoyo scrive:

    La Coca Cola supportava PP? Ho sempre fatto bene, allora, a bere prevalentemente te alla pesca.

    • alex scrive:

      Magari Nestea o Honest Tea?

      • yoyo scrive:

        No, marca italiana. A proposito, chi ha notato la pubblicità gay friendly della Elah premessa a Paperissima Sprint? Ci sono due lui. Umo dichiara: siamo sposati. In mezzo un bambino che aggiunge: e io voglio stare con loro. Visto che la trasmissione è per famiglie mi sembra particolarmente grave.

  3. SUSANNA ROLLI scrive:

    Ma se fallisse! Sempre per il bene dei bimbi, ovviamente!

    • xyzwk scrive:

      Certo soprattutto quei bimbi figli di genitori che lavorano per Elah, te ne saranno veramente grati quando non avranno da mangiare! Ma si consoleranno per avere genitori rigorosamente contrari alle famiglie omosex.

      • claudio scrive:

        Magari quei bambini diranno ai loro genitori occupati in Elah: ma che pubblicità del piffero si sono inventati i vostri capi? Dite loro di non fare più pifferate simili…

      • giovanna scrive:

        In compenso, xyzwk ,bob,filomena,lucilllo,valentina,lena,triestina,ena,elena,misericordiaocinismo,annaluzzi,unartistaecreativaassolutamentenonabortista, carolina, mariarossi, jenny, maria, maria grazia, laica clericale, giovanniantonio,ornella,gianni,giada ,laura,ennio,fgh,elizabeth,,eloisa,perconoscere,saba,diamante,associazionestreghe,augusta,mirella,carlo,gennaro,asia,vanda,valeria,sentinellaseduta,sanaan,sayad,g45678,paola,annapaola,massimo,flavia, isabella,giulia, lavinia,percapire,luca, percomprendere, unacubistainpensione, saba, cirino, celso, rita…..
        i bambini sottratti alla madre avranno qualcuno che li difende !

        Certo, non si aspettano di essere difesi da una multitrollmultinick psycho-horror come te , che smembrare i bambini, uccidendoli in modo da non danneggiare i tessuti, ti fa un baffo !

      • Menelik scrive:

        E per Barilla lo stessa considerazione non valeva?

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Io mi riferivo al fallimento dei centri di aborto, cioè di UCCISIONE di bambini..Fallissero tutti, per il bene dei bambini. Elah?. Al solito scrivo italiano e capiscono arabo….

  4. Cisco scrive:

    Abortire Planned Parenthood salvando donne e bambini, nient’altro.

  5. Sebastiano scrive:

    Non capisco perché il troll supermultinick (quello del binario, per capirci) non ha ancora emesso le sue puzzette anche su questo argomento. Forse starà chiedendo lumi all’APA…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana