Google+

Pizzaiolo marchigiano, reclutatore romano, fanatico lombardo: chi sono i 9 estremisti espulsi dall’Italia

febbraio 11, 2015 Leone Grotti

Da gennaio, già nove persone sono state espulse dall’Italia perché collegato al jihad. Ieri il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha annunciato l’approvazione del decreto antiterrorismo

C’è Akii, pizzaiolo nelle Marche, che giustificava l’uccisione delle donne e dei figli dei miscredenti; Hanif, che veniva dai Balcani, abitava in Trentino e faceva propaganda in favore del jihad e dello Stato islamico; Farid, molto attivo su internet dalla sua casa in provincia milanese, favorevole agli attentati in Europa e pronto a partire per la Siria. Loro sono solo tre dei nove musulmani regolari espulsi dall’Italia a partire da gennaio perché collegati in qualche modo al terrorismo islamico.

DECRETO ANTITERRORISMO. Ieri il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha annunciato l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del decreto antiterrorismo. Reclusione da 3 a 6 anni per chi si arruola «in organizzazioni terroristiche», per chi recluta e supporta i «foreign fighters». Chi si addestra all’uso di armi ed esplosivi, invece, sarà condannato da 5 a 10 anni. Farlo su internet costituisce un’aggravante. L’espulsione degli stranieri sospetti, infine, sarà più facile per i prefetti, così come «il ritiro dei passaporti e dei documenti validi per l’espatrio». Verrà stilata anche una black list di siti web pericolosi e creata una procura nazionale antiterrorismo. Gli 007, infine, potranno testimoniare nei processi senza rivelare la loro identità.

SHABIR IL FANATICO. Lo scopo è scovare in anticipo persone come Baahir il romano, che conduceva attività di proselitismo per reclutare combattenti alla causa del jihad in Africa e in Siria. Anche lui è tra gli ultimi nove espulsi dall’Italia, secondo quanto riportato dalla Stampa. Insieme a Baahir, è stato cacciato anche Shabir, che sembrava ben integrato in Veneto, ma si era radicalizzato su internet diventando un fanatico anti-sciita, anti-americano e anti-giudaico. È stato espulso dall’Italia dopo aver manifestato interesse per lo jihad armato e le azioni terroristiche contro l’Occidente.

AHMED IL MARTIRE. Nourredine viveva invece in Lombardia e voleva morire da martire, Rami abitava in Piemonte, odiava i principi democratici e stava raccogliendo somme di denaro per finalità violente ed estremiste. Agim desiderava entrare a far parte dello Stato islamico ed era intenzionato a partire dalla Lombardia, destinazione Siria. Dopo la strage a Parigi compiuta nella redazione di Charlie Hebdo, ha inneggiato ai fratelli Kouachi, dichiarandosi pronto anche lui a tutelare «l’onore del profeta» sacrificando la vita. Infine Ahmed, permesso di soggiorno ottenuto a Milano: si è dichiarato pronto a compiere il martirio, condivideva sia l’obiettivo dello Stato islamico che le modalità con le quali raggiungerlo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Menelik says:

    Ci siamo scrollati di dosso 9 zecche.
    E tante ce ne saranno ancora a dare guai !
    E’ talmente radicato e profondo il risentimento contro i daesh che non riesco a provare neanche un minimo di comprensione e compassione per loro.
    Nei confronti di quella gente lì sento di avere davvero un cuore di pietra.
    Sto provando un profondo dolore interiore per le vicende russo-ucraine (mia nuora è ucraina e mio nipote è italo-ucraino), ma, lo ammetto candidamente, nei confronti delle vicende siriano-curdo-irakene, quando vedo i filmati diffusi anche in tv ripresi dai velivoli che filmano l’impatto degli ordigni sul bersaglio, provo un senso di liberazione.
    Forse sarò esagerato, starò sbagliano, non so, non pretendo di essere nel giusto, però questo è quello che sento.
    Combattere i daesh per me è come combattere i demoni di satana.
    Ho attribuito alla cosa un significato che forse trascende le reale portata degli eventi.
    Per me i daesh sono il demonio e il demonio va abbattuto con ogni mezzo.
    Speriamo che questi nove siano solo l’inizio di una serie, e gli italiani che si arruolano coi daesh possano essere incriminati di tradimento e come tale perseguiti dal tribunale militare.
    E dopo i daesh, ha da venire il turno dei boko haram.
    Ma per carità, non invischiamoci in una avventura militare con la Russia, perché rischiamo di pagarla carissima: i Russi non sono i daesh, tecnologicamente e di testa sono come noi.
    E in più, sono popoli che non sono ancora stati corrotti dal benessere improvviso del boom economico che li ha rammolliti, Russi e Ucraini sono ancora gente tosta, ruvida, forte.
    Sono operai tremendi, quelli.
    Non come i daesh che vogliono gli schiavi per non aver voglia di lavorare.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download