Google+

Più dolci per tutti, ma solo made in England. La ricetta scaccia crisi del governo inglese

settembre 18, 2012 Elisabetta Longo

Nonostante i dolci siano da sempre messi al bando per via della loro pericolosità, in Inghilterra il segretario all’ambiente Owen Paterson ne incentiva il consumo. Ma solo di quelli prodotti localmente, per aiutare l’economia in difficoltà.

Si potrebbe dire che siamo in piena guerra dello zucchero, visto che è l’indiziato numero uno per tutti i mali, quasi peggio del fumo. Mentre oltreoceano hanno appena approvato la legge che mette al bando le bibite in taglia extralarge, quei bidoni di Coca-cola tanto amati dagli americani, qui nel vecchio continente si passa dal proporre di tassare le bibite zuccherine all’incentivare il consumo di dolci. E tutto solo per far girare l’economia.

DESSERT-DEFICIT. Il segretario inglese all’ambiente Owen Paterson ha infatti dichiarato guerra ai dolci. Ma solo a quelli esteri, dopo aver visto i dati di vendita dei dessert in Gran Bretagna. “C’è un dessert-deficit nel nostro paese”, ha dichiarato convinto. “Troppe specialità caloriche di altri stati stanno invadendo gli scaffali dei supermercati, e ritengo invece che i cittadini debbano tornare a consumare zuppa inglese, pudding e torta di mele come si faceva una volta. Dobbiamo rimpiazzare i dolci importati con quelli locali, sopratutto per aiutare i contadini a recuperare i costi del latte”.

115MILA TONNELLATE DI GELATO. Lo scorso anno in Gran Bretagna sono arrivate ben 115 mila tonnellate di gelato estero, mentre solo 50 mila tonnellate di prodotti made in England ono state vendute. Anche lo yogurt è preferito nella versione “straniera” in oltre 150 mila tonnellate, contro le 25 mila inglesi. Paterson vede del potenziale nello show televisivo di cucina “The great british bake off”, molto amato dagli inglese, perché se i produttori del programma si interessassero di più ai dolci tradizionali, piuttosto che a dessert leggeri come sorbetti e budini, potrebbero incentivare la voglia dei pigrissimi inglesi di cucinare, piuttosto che acquistare zuccheri provenienti da altre parti del mondo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    gli inglesi considerano l’europa solo come un mercato e non esitanpo a farsi gli affari loro. sono d’accordo con loro, una parte di protezionismo è necessaria, lo fanno in tanti, dovremmo imparare a volerci bene.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi