Google+

Più di 2,2 milioni di bambini in fuga dalla Siria. L’80 per cento non va più a scuola

novembre 29, 2013 Chiara Rizzo

Un drammatico rapporto dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati rivela che la maggiorparte dei minori siriani fuggiti dalla guerra, da morti e persecuzione, ha dovuto lasciare gli studi. In molti lavorano per aiutare le famiglie

Secondo un rapporto dell’Unhcr oltre 2,2 milioni di bambini siriani sono stati costretti negli ultimi tre anni di guerra a fuggire all’estero, e molti loro non vanno a scuola perché sono costretti a lavorare per aiutare le proprie numerose famiglie. È il drammatico resoconto del rapporto dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati reso pubblico oggi.

L’80 PER CENTO NON VA A SCUOLA. Secondo l’Unhcr, più di 11 mila bambini sono morti in Siria nei combattimenti. Il paese che ha accolto più siriani è il confinante Libano, dove ci sono 385mila minorenni e dove si calcola che i siriani profughi in età scolare abbiano superato i coetanei libanesi. Tuttavia, l’80 per cento di questi bambini siriani non va a scuola. Una delle ragioni sta nel fatto che il sistema scolastico libanese è come risultato “ingolfato” da questa fuga massiccia, e nemmeno il ricorso a turni pomeridiani ha permesso di garantire gli studi a tutti. Ma il motivo principale dell’abbandono scolastico è che la maggiorparte dei piccoli siriani è costretta, per ragioni economiche, a lavorare per contribuire al mantenimento delle famiglie numerose: i bambini sono occupati, con paghe misere da 3 o 4 dollari al giorno, in negozi, campi o nell’edilizia.

SITUAZIONE DRAMMATICA. Anche in Giordania, altro paese che ha ospitato un alto numero di profughi siriani, molti dei 291 mila bambini siriani non va a scuola. L’Unhcr segnala tra le cause dell’abbandono scolastico anche gli shock vissuti dai bambini per la guerra. Molti dei piccoli profughi ha visto con i propri occhi le proprie famiglie uccise, o è stato costretto a vedere le atrocità dei campi di accoglienza. Per questi traumi i bambini hanno spesso paura anche di uscire da soli, e rimangono nei campi o negli appartamenti. L’Unhcr ha evidenziato di aver ricevuto sino ad oggi solo il 32 per cento delle risorse necessarie (700 mila dollari) per coprire i bisogni del 2013 nel solo Libano e ha denunciato che la situazione è destinata a peggiorare, dato che la diplomazia non è riuscita ad ottenere alcuna tregua.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana