Google+

Pisicchio (ex Idv): «Con la nuova strategia Di Pietro sta rischiando il suicidio»

giugno 24, 2011 Benedetta Frigerio

Antonio Pisicchio, ex Idv, spiega a Tempi la nuova strategia di Di Pietro: «Antonio sta facendo come nel 2008, quando si è lanciato a sinistra per raccogliere i voti lasciati per strada da Rifondazione comunista, fuori dal Parlmaento. Adesso lo fa con la destra ma il suo segnale può confondere il suo elettorato e rivelarsi un suicidio»

«Berlusconi ha detto una cosa che deve farci riflettere!» ha tuonato ieri Antonio Di Pietro, leader dell’Idv, rivolto ai banchi dell’opposizione alla Camera. Un discorso, il suo, che è stato letto come una svolta storica. Ma il deputato Antonio Pisicchio, passato nel 2009 dall’Italia dei valori all’Api di Rutelli, spiega a Tempi che «quanto è accaduto ieri è perfettamente coerente con la linea dipietrista».

Come si spiega il discorso moderato del leader di un partito che si è sempre caratterizzato per il suo antagonismo al premier?
Ho pubblicato diversi studi su questo: se si analizza la politica di Di Pietro nel biennio 2006-2008 si capisce la sua svolta. Allora il leader dell’Idv, assolutamente istituzionalizzato, da membro del governo come ministro delle Infrastrutture investe nel progetto del ponte di Messina e ha momenti di forte intesa anche con il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. Nel 2008, però, la sinistra estrema perde il suo ruolo in Parlamento mettendo in libertà un bel po’ di voti. Di Pietro per recuperarli deve cambiare totalmente linea e diventare antagonista. Oggi? Sta rifacendo esattamente la stessa cosa a destra.

Non sarebbe più semplice “rubarli” a sinistra?
A sinistra Di Pietro ha capito di avere ormai poche speranze e troppi antagonisti. Non parlo solo di Sel, che si è ripresa l’elettorato della sinistra antagonista, ma anche di una concorrenza interna: è evidente che la vittoria di Napoli non è dell’Idv ma di De Magistris. Di Pietro quindi non è più sicuro di godere del consenso di un anno fa e si vuole smarcare dalla sinistra per recuperare gli elettori di destra stanchi del governo.

Non rischia defezioni interne al suo gruppo?
Per quanto riguarda la nomenclatura del partito e i parlamentari viola, Di Pietro sa di godere di una egemonia assoluta. Io sono stato nell’Idv per anni e conosco bene la fedeltà incondizionata dei suoi.

Si può dire lo stesso del popolo viola?
No, ed è qui che Di Pietro rischia il suicidio. Lui, come Berlusconi, ha sempre fondato la sua strategia politica sulla comunicazione piuttosto che sull’identità e il consenso d’opinione. Ieri, però, ha lanciato un segnale che, senza dare un messaggio chiaro o convincente agli elettori di destra, può confondere anche il suo elettorato, spostandolo proprio nella sinistra da cui si sta dissociando.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana