Google+

Se davvero Pisapia teme per il «dialogo interreligioso» a Milano, cominci a guardarsi in casa

maggio 18, 2016 Redazione

Nuove accuse contro la candidata musulmana del Pd milanese Sumaya Abdel Qader: il marito secondo “Libero” inneggia su Facebook alla cancellazione di Israele

sumaya-abdel-qader-milano-ansa-2

Lunedì Giuliano Pisapia ha voluto esprimere (con una preoccupazione più da papa che da sindaco) tutta la sua apprensione per il destino del «dialogo interreligioso» a Milano, che risulterebbe minacciato qualora alle elezioni di giugno in città dovesse prevalere il centrodestra.

«XENOFOBIA». A provocarlo, per la verità, è stato Basilio Rizzo. Volto simbolo della stagione “arancione” meneghina e ora candidato sindaco della sinistra alternativa a quella di Beppe Sala, Rizzo ha accusato Pisapia di essersi messo ad appoggiare un candidato (Sala, appunto) che in realtà non ha mai sostenuto, e ha detto che l’ex commissario Expo è agli occhi della sinistra una «fotocopia» dell’avversario Stefano Parisi. È proprio per respingere queste imputazioni del compagno Rizzo che Pisapia, intervistato dall’agenzia Omnimilano, ha detto: «È la squadra che fa la differenza. Un conto è avere in squadra persone che hanno lavorato con me, assessori che hanno valori di sobrietà, rispetto della legalità, attenzione ai soggetti più deboli», tutt’altro conto è invece lavorare con il centrodestra, gente improntata secondo Pisapia a «autoritarismo, xenofobia, paura verso il diverso», con «elementi che addirittura vogliono far diventare la nostra città senza dialogo interreligioso».

MARYAN E SUMAYA. A questo proposito, però, è proprio «la squadra» che sostiene Beppe Sala (cioè la stessa in cui gioca Pisapia) la prima a doversi chiarire le idee. Lo dimostra, come abbiamo già segnalato a fine aprile, il caso delle due donne musulmane candidate nella lista del Pd, Maryan Ismail e Sumaya Abdel Qader, simboli di due visioni dell’islam radicalmente opposte, forse addirittura incompatibili. Ma un chiarimento urge a maggior ragione dopo che ieri su Libero è uscito un ritratto non esattamente tranquillizzante di Abdallah Kabakebbji, che di Sumaya Abdel Qader è il consorte.

«CTRL+ALT+CANC!». Di professione dentista, origini siriane, Abdallah secondo Andrea Morigi, autore dell’articolo di Libero, ora che sua moglie è scesa in politica «ha scelto una strategia comunicativa più istituzionale. Peccato che non abbia ancora deciso di togliere di mezzo, benché siano visibili soltanto ai suoi amici di Facebook, i post nei quali dichiara che “Israele è un errore storico, politico, una truffa. In caso di errore che crea danno, sai cosa si fa a casa mia? Ctrl+Alt+Canc!”».

FAN DI HAMAS? L’uomo, continua Libero, parla dello Stato ebraico come «entità sionista chiamata Israele», rilancia sui social network messaggi bellicosi di membri eminenti di Hamas (movimento terrorista inserito nella lista nera dell’Unione Europea che governa la Striscia di Gaza «con la violenza e l’intimidazione») e di «noti predicatori di odio verso Israele come Youssuf Al Qaradawi e Tareq Al Suwaidan».

TOLLERANZA. Certo, alle accuse di Libero occorre replicare, come del resto fa lo stesso Morigi, che «il Pd ha candidato sua moglie e non lui». Per di più nei giorni scorsi Sumaya è stata fatta oggetto di una specie di fatwa via Facebook da parte del gruppo estremista “Cronache islamiche”, il che naturalmente le fa onore, oltre a richiedere che siano svolte dalle autorità le indagini più accurate. Tuttavia, per tornare al tema «dialogo interreligioso» caro a Pisapia, non si capisce perché una candidata che ha fatto del «dialogo» la sua bandiera non voglia mai prendere fino in fondo le distanze dai Fratelli Musulmani (nemmeno quando affronta direttamente l’accusa di farne parte). E certo non contribuisce a spazzare via le ombre il fatto che suo marito, secondo Libero, scriva quel che scrive su Israele e contemporaneamente si definisca «cofondatore della Gioventù Musulmana Italiana» e «tollerante nella vita».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Franco scrive:

    Mi è difficile capire quel cartello “basta violenza” da una candidata nella cui famiglia (in particolare dal marito) pare che il DNA non sia così immune da quell’odio che costituisce il brodo di coltura di quanto purtroppo sta avvenendo nella nostra Europa.
    Con questo cartello questa signora intende per caso rivolgere un appello alla sua comunità mussulmana?
    Salvo il fatto che per fare incetta di voti il PD non si sia fatto molti scrupoli ne domande, quello che mi viene da chiedere al PD è se prima di accettare l’inserimento di tale candidata, e per la verità anche dell’altra candidata, nelle proprie liste, si sia peritato quantomeno di chiedere il curriculum vitae (una volta si usava così) E nel caso ciò fosse stato fatto è lecito chiedersi se con tali candidature si promuove quel dialogo interreligioso di cui straparla il Sig. Pisapia?

  2. Sebastiano scrive:

    E che ho scritto mai di disdicevole?

  3. Lucillo scrive:

    Se il criterio del “dire” queste cose fosse discriminante per una candidatura, il criterio del “fare” dovrebbe rendere incandidabile per legge ogni persona di fede ebraica che non condanni ciò che fa lo stato di Israele.

  4. Oscar scrive:

    I nostri politici (tranne FdI, Lega e pochi altri) hanno la gravissima responsabilità di aver fatto entrare il nemico in casa. Aprendo ai musulmani, stiamo distruggendo secoli di progresso civile e sociale e neghiamo le nostre origini cristiane, oltre naturalmente a facilitare gli attentati terroristici.
    Questi politici stanno letteralmente tradendo il loro Paese, e dovrebbero renderne conto di fronte ad un Tribunale.
    Citaz.:
    “La religione fondata da Maometto é violenta, punta alla vittoria e il suo é un finto dialogo….Con l’ Islam va usata teologicamente la mano forte ed una pacifica tolleranza zero, come per il comunismo; anche da parte della Chiesa, che si abbandona talvolta ad un buonismo suicida per cercare un dialogo impossibile e comunque infruttuoso che non porta da nessuna parte.” (il Vescovo emerito di Grosseto, Mons. Giacomo Babini, a Radio Maria)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana