Google+

Pillola del giorno dopo. Può provocare un aborto, ma l’Aifa lo elimina dalle avvertenze

febbraio 10, 2014 Redazione

L’Agenzia del farmaco ha sostituito l’indicazione «il farmaco potrebbe anche impedire l’impianto» con «inibisce o ritarda l’ovulazione». Aperture del Pd sull’uso domiciliare della Ru486

L’Aifa, Agenzia Italiana per il farmaco, ha deciso di eliminare dalla scheda tecnica della pillola del giorno dopo l’avvertenza «il farmaco potrebbe anche impedire l’impianto» e provocare un aborto. La decisione di escludere gli effetti potenzialmente abortivi del farmaco a base di Levonorgestrel dalle contro-indicazioni è stata confermata dalla Gazzetta Ufficiale del 4 febbraio. Quello che molti considerano un escamotage per favorire la commercializzazione della pillola, a discapito della corretta informazione scientifica, potrebbe obbligare per legge gli obiettori di coscienza alla prescrizione.

FARMACO ABORTIVO-CONTRACCETTIVO. L’Aifa, con un cambiamento di rotta avvenuto in sordina, ha inserito nel bugiardino del farmaco abortivo con effetti contraccettivi, l’indicazione «inibisce o ritarda l’ovulazione». Sembra un cambiamento da poco ma in realtà è una scelta che contrasta con la posizione scientifica assunta in questi anni dalla stessa Aifa. Secondo molti studi scientifici, accettati finora dall’Agenzia del farmaco italiana, infatti, l’assunzione di Levonorgestrel non provoca soltanto l’inibizione dell’ovulazione (nel 20 per cento dei casi) o un suo ritardo, ma ha un effetto “antinidatorio”, cioè impedisce che l’eventuale ovulo fecondato si impianti nella parete uterina, mediante un meccanismo di alterazione della parete stessa, provocandone l’espulsione, cioè un aborto.

ABORTO DOMICILIARE. Fa discutere anche quanto emerge dalla relazione annuale sull’attuazione della legge 194, sull’aborto, che la prossima settimana sarà portata in commissione Affari Sociali della Camera. Al contrario di quanto dispone la legge, che prescrive tre giorni di degenza in ospedale nel caso di somministrazione della pillola abortiva Ru486, «molte donne (76 per cento) hanno richiesto la dimissione volontaria dopo la somministrazione di Mifepristone o prima dell’espulsione completa del prodotto abortivo, con successivi ritorni in ospedale per il completamento della procedura», è scritto nel documento del ministero della Salute. «Visto che la prescrizione non viene rispettata e non ci sono conseguenze – ha spiegato la relatrice del rapporto, Elena Carnevali (Pd) – chiederemo una verifica al Ministero della Salute, per capire se sia realmente necessaria».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. angelo says:

    Non ci sono molte occasioni per protestare contro queste porcherie, e per cercare di far capire che non tutti sono d’ accordo con esse.
    Una delle poche (ma buone) iniziative, che vi segnalo, sono le “9 ore di preghiera per la vita” organizzate da alcune associazioni pro-life davanti agli ospedali delle principali città italiane.
    La prossima volta sarà sabato 1 marzo. A Milano ci troviamo nel piazzale davanti a Niguarda (piazza Ospedale Maggiore 3). Prima eravamo sul marciapiede della Mangiagalli, ma siamo stati “sloggiati” perchè le femmi-naziste ci aggredivano (e quindi “NOI” distrubavamo la quiete pubblica, recitando il rosario).
    Per le altre città andate sul sito http://www.no194.org (sotto la voce “attività”).

  2. filomena says:

    Ovviamente il post sopra a questo non lo cancellerete perché è di una vittima delle nazi femministe. Certo che brillante per correttezza e pluralità di pensiero!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

Al Motor Bike Expo di Verona, dal 18 al 21 gennaio, Metzeler si presenta con una limited edition del suo pneumatico più custom: si chiama Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall

L'articolo Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall: più colore al custom proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download