Google+

Pietro D’Amico, simbolo di tutti gli innocenti schiacciati dal protagonismo forsennato dei magistrati

aprile 15, 2013 Redazione

Pierlugi Battista scrive sul Corriere un editoriale sul suicidio assistito del pm calabrese. Un uomo innocente che non ha retto «il peso della macchina della gogna che gli hanno costruito addosso»

Oggi sul Corriere della Sera, Pierluigi Battista scrive un articolo a proposito del suicidio assistito di Pietro D’Amico, pm che giovedì scorso si è recato in una clinica Svizzera per farsi togliere la vita. Battista, oltre a tratteggiare la figura della toga calabrese, parla di quest’uomo che era stato messo alla gogna pubblicamente e mediaticamente, sebbene non avesse fatto niente di penalmente rilevante. «D’Amico – scrive l’editorialista – non aveva fatto niente, come tanti nomi dati in pasto all’opinione pubblica per meglio farne oggetti di ludibrio collettivo. Non aveva commesso alcun reato, come tanti nomi che sono “coinvolti”, screditati, distrutti e poi riconosciuti totalmente estranei alle vicende che occupano le prime pagine dei giornali». Eppure, quelle vicende avevano lasciato un segno in lui: «Era un uomo devastato. È crollato. Non ha retto al peso della macchina della gogna che gli hanno costruito addosso non per un errore giudiziario ma per la conduzione deliberatamente, fanaticamente forcaiola delle inchieste. È andato in Svizzera per uccidersi, perché non ce la faceva più a vivere».

GIUSTIZIA MALATA E INGIUSTA. Battista scrive il giusto quando dice che «il nome di Pietro D’Amico è il simbolo di tutti i “coinvolti”, di tutti gli innocenti schiacciati da una giustizia malata e ingiusta, dal protagonismo forsennato di magistrati che hanno bisogno dell’esposizione mediatica quanto un tossico è alla disperata ricerca di una dose di veleno. È il simbolo di chi, spesso nemmeno indagato, vede esibito il suo nome sul muro della vergogna senza aver mai commesso l’ombra di un reato. È il simbolo del credito eccessivo, cieco, fideistico, assoluto che i media regalano all’accusa inquisitrice lasciando il “coinvolto” senza difese, con la reputazione macchiata, travolto dalla macchina del sospetto, coperto dal fango che con mezzi formalmente leciti gli hanno scaraventato addosso. È il simbolo delle vittime del pettegolezzo, del misticismo della “trasparenza” con cui si nega a chiunque ogni tutela della propria vita privata, dell’onnipotenza dell’accusa, delle crudeltà dei meccanismi mediatici che stritolano chi finisce negli ingranaggi di una concezione perversa della giustizia».

LA TENTAZIONE DELLA GHIGLIOTTINA. Il finale triste della vita di D’Amico ci mostra un paese in cui sono «tantissimi» quelli che «vengono prosciolti nelle maxi-inchieste destinate quasi sempre a finire nel nulla. Di chi patisce, innocente, la vergogna del carcere preventivo. Degli assolti la cui assoluzione finisce in due righe, mentre ai tempi delle indagini l’accusa meritava due pagine. Di chi non c’entra niente, ma ha perduto tutto».
L’Italia è un paese «perennemente attratto dalla tentazione della ghigliottina e che ha demolito la vita di Pietro D’Amico, un lungo viaggio dalla Calabria a Basilea, per raggiungere la clinica in cui l’avrebbe fatta finita, vittima di un sistema iniquo in cui persino il diritto di critica viene equiparato a un sabotaggio della giustizia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.