Google+

Piccole e micro imprese: «Il governo dà con una mano e toglie con l’altra»

giugno 26, 2012 Chiara Sirianni

Walter Mariani, presidente dell’Unione Artigiani di Monza e Brianza: «I piccoli imprenditori si troveranno a versare Iva mai incassata».

Gli studi di settore penalizzano le piccole e micro imprese. Lo afferma Walter Mariani, presidente dell’Unione Artigiani di Monza e Brianza, secondo il quale «i parametri di quest’anno, anche dopo l’adozione di tutti i correttivi anti-crisi previsti, aumentano i ricavi minimi soggetti a tassazione di una percentuale media che va dall’8 al 10% a parità di dati di riferimento con lo scorso anno. È uno scandalo». Gli studi di settore sono uno strumento che il Fisco utilizza per rilevare i parametri fondamentali di liberi professionisti, lavoratori autonomi e imprese. La parte principale consiste nella raccolta sistematica dei dati che caratterizzano l’attività e il contesto economico in cui opera l’impresa, allo scopo di valutare la sua capacità reale di produrre reddito. Questi dati sono impiegati per l’accertamento induttivo degli esercenti arti e professioni e imprese.

Ora le regole sono cambiate: con il nuovo regime dei minimi il reddito imponibile derivante dal percepimento e dall’incasso dei ricavi è soggetto a una tassazione sostitutiva Irpef. Con conseguenze pesanti. Secondo Mariani «i piccoli imprenditori si troveranno, in un periodo di grande crisi, a versare Iva mai incassata e a pagare tasse su ricavi che lo scorso anno non hanno avuto». L’aumento è particolarmente sensibile per le imprese di servizi (idraulici, elettricisti, edili, acconciatori, estetisti, installatori) rispetto a quelle di produzione. L’ufficio fiscale dell’Unione artigiani ha applicato a titolo esemplificativo, su un campione casuale di aziende, costi e ricavi del 2010 ai nuovi studi di settore e li ha confrontati con le dichiarazioni dei redditi dello scorso anno. Per un idraulico, per esempio, a fronte di un ricavo di 41.000 euro annui, l’anno scorso gli studi di settore prevedevano un ricavo minimo di 56.900 euro che con i correttivi anti-crisi diventavano 48.550 euro. Quest’anno (a parità di dati) sarebbero 55.900. Questo significa che dovrà pagare circa 2620 euro di Iva contro i 1.400 del 2011, e tasse su ricavi per 15.500 euro in più contro gli 8.250 del 2011.

E nel caso di un barbiere? A fronte di un ricavo dichiarato di 52.000 euro, il ricavo minimo da congruità sale da 75.600 a 76.200. Tolti i correttivi anti-crisi, un barbiere dovrà versare 5.100 euro di Iva e tasse su un maggiore ricavo di 25.500 euro. A fronte di un ricavo di circa 18 mila euro, invece, il ricavo minimo da congruità sale da 25.500 a 31.550. Fatti tutti i correttivi, dovrà pagare 2.900 euro di Iva (contro i 1.660 dello scorso anno) e tasse su un maggior ricavo che sale da 8.330 a 14.550. Per un carrozziere, invece, a fronte di un ricavo dichiarato di 422.416 euro, il ricavo minimo da congruità passa da 476.700 a circa 485.000. Dopo tutti i correttivi il carrozziere vedrà il suo ricavo presunto aumentare dai 35.760 del 2010 a 67.000. Con 13.400 euro di Iva “presunta” contro i 7.100 dello scorso anno.

Il problema è anche di tempistica: «I modelli degli studi di settore dovrebbero essere definiti e comunicati addirittura nel dicembre dell’anno precedente rispetto alla denuncia dei redditi». I correttivi anti-crisi sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale solo il 16 giugno. «Un impegno che continua a non essere rispettato e i nostri artigiani continuano a rendersi conto di trovarsi pesanti adeguamenti a pochissimi giorni dalla scadenza dei pagamenti». Il decreto Sviluppo varato dal Consiglio dei ministri certamente rappresenta un primo passo verso una politica di rilancio delle attività produttive:  agevolazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione e di riqualificazione energetica,  semplificazioni in materia di autorizzazioni e pareri per l’esercizio dell’attività edilizia,  ripristino dell’Iva per le cessioni e le locazioni di nuove costruzioni. Ma non basta. «Non si può dare con una mano e togliere con l’altra. In questo modo sulle piccole e micro imprese continueranno a gravare nuove forme di imposta che le mettono continuamente a rischio. Ecco perché chiediamo nuovi interventi che riducano la pressione fiscale e sostengano gli investimenti. L’artigianato brianzolo, come gran parte delle attività economiche del Paese, è stato duramente colpito dalla crisi. Per questo crediamo che questi meccanismi di presunzione fiscale, che abbiamo sempre ritenuto non corretti e inopportuni, non facciano altro che penalizzare uno dei settori che comunque ha cercato di reagire a questi tre anni difficilissimi». E i parametri?  «Già negli anni scorsi – conclude il presidente dell’Unione artigiani  – oltre il 40% delle imprese artigiane è risultato sotto i parametri e solo una impresa su tre si è adeguata. Le altre hanno scelto di rischiare l’indagine fiscale perché non la temono, sono sicure di poter dimostrare le loro ragioni. Se l’obiettivo degli studi di settore è quello di scovare l’evasione fiscale, c’è qualcosa che non va nel meccanismo e nello strumento adottato».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.