Google+

Picchiato da tre marines, finisce in pronto soccorso e denuncia il governo Usa

aprile 20, 2012 Redazione

La singolare storia di Giovanni Agostino Tamponi: nel 2005 tre marines americani danneggiano la sua auto, a Olbia, e filmano la bravata. Il proprietario della Fiat Uno, che tenta di fermarli, viene aggredito e finisce in ospedale. Dopo la denuncia i soldati spariscono e Tamponi perde la pazienza: «Adesso porto Obama in tribunale».

Una denuncia per lesioni e danneggiamento dopo che tre persone, ubriache, saltano sulla sua macchina. Niente di strano: se non fosse che in Tribunale, accusato, potrebbe addirittura finire il governo americano. È una storia singolare, e la racconta L’Unione Sarda: nel 2005 tre marines americani, dopo una notte particolarmente alcolica in giro per pub, vagano per le strade di Olbia. Gli americani, ora sotto processo, hanno raccontato di aver organizzato la bravata col chiaro intento di filmare il tutto e caricarlo su Youtube. Il proprietario della Fiat Uno, Giovanni Agostino Tamponi, li sorprende mentre saltano sul cofano e sul tetto. A quanto dicono i tre sono reduci della guerra in Iraq e hanno un’età compresa tra i 29 e i 38 anni. Lui protesta e per questo viene insultato e malmenato, tanto da finire al pronto soccorso. La vicenda è stata ricostruita nel rapporto dei carabinieri del nucleo radiomobile di Olbia.

A oggi, scrive il quotidiano sardo, gli americani denunciati (due giovani californiani e uno originario della Luisiana) non hanno contattato in alcun modo la vittima e lui ha perso la pazienza: mai risarcito, per fatti risalenti a sei anni fa, chiede giustizia e spiegazioni. Anche al governo Usa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. taddei francesco scrive:

    Mi dispiace per il signor Tamponi ma la vicenda si chiuderà con un nulla di fatto. si potrà avere giustizia di fatti come questo solo nel caso in cui un paese abbia al suo interno solo truppe nazionali che rispondono al proprio governo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana