Google+

Piano per la famiglia. «Aspettiamo i decreti attuativi prima di cantare vittoria»

giugno 8, 2012 Carlo Candiani

Approvato il Piano nazionale per la famiglia. È un primo importante passo ma il Forum delle associazioni familiari afferma: «Vediamo quante risorse saranno davvero messe a disposizione».

Il trionfalismo con cui il ministro con delega alle politiche familiari Andrea Riccardi ha annunciato l’approvazione del “Piano nazionale per la famiglia” da parte del Consiglio dei Ministri rischia di rimanere negli ambiti della propaganda politica. Secondo il testo, «la famiglia è soggetto su cui investire per il futuro del Paese, valorizzando la sua funzione per la coesione sociale e per un equo rapporto tra generazioni». Per questo il governo stanzierà: 400 milioni di euro, dirottati dai fondi strutturali europei, agli asili nido; 330 milioni di euro, dai fondi europei non utilizzati. per l’assistenza agli anziani. Questi 730 milioni potranno essere utilizzati solo per Puglia, Sicilia, Calabria e Campania. A livello nazionale sono stati stanziati, invece, 81 milioni di euro.

Mentre i partiti hanno applaudito l’iniziativa, e i sindacati hanno temporeggiato in attesa di essere convocati a discutere, il Forum delle associazioni familiari dichiara attraverso il suo presidente Francesco Belletti: «Finalmente il Piano nazionale per la famiglia esce dal libro dei sogni e diventa realtà. In questo senso bisogna dare atto al ministro Riccardi di aver portato a conclusione un cammino avviato nel 2007 a Firenze con la prima Conferenza nazionale, passato quindi per gli sforzi di ben tre governi, di diversi orientamento. Un Piano nazionale sulla famiglia approvato dal Consiglio dei ministri significa finalmente riconoscere che la famiglia è centrale per lo sviluppo del Paese, e non “in fondo all’agenda politica ed economica”, e che questa consapevolezza, fortemente rappresentata dal ministro Riccardi in modo molto chiaro, diventa finalmente patrimonio e responsabilità condivisa per tutta la compagine governativa».

Non manca una nota crtitica: «Il vero dubbio riguarda la capacità che avrà questo Piano di incidere sulle scelte operative e di priorità del governo in un tempo di crisi economica profonda. Purtroppo, almeno da quanto possiamo leggere nel comunicato ufficiale, viene confermato che lo strumento di equità fiscale proposto dal Forum e condiviso dalla Conferenza nazionale di Milano, il Fattore Famiglia, resta fuori dal Piano». Come afferma a tempi.it Gianna Savaris, vicepresidente del Forum: «Ora aspettiamo i decreti attuativi e vediamo quante risorse saranno davvero messe a disposizione del Piano. Solo allora potremo capire la linea del governo, aldilà di tutte le buone intenzioni».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana