Google+

Perfino il diavolo è pronto a lodare il Papa (purché si sospetti che rinuncia per un secondo fine)

febbraio 25, 2013 Berlicche

È il demonio che agisce nel nascondimento. Insinuare altri motivi oltre quelli resi evidenti da Benedetto XVI per la sua decisione vuol dire in realtà accusarlo di un movente diabolico

Mio caro Malacoda, non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione della rinuncia del Papa. Vedo che ti sei già dato da fare con efficacia. Se posso riassumere la campagna mediatico-interpretativa del “gran rifiuto” direi così: non è una riununcia “per” ma “contro”. Il Papa dice che lo fa «per il bene della Chiesa», in realtà rinuncia per sfiducia verso la curia, di più, il suo abbandono è un atto di accusa agli uomini che si è scelto come collaboratori: non sono riuscito a cambiare la Chiesa, cambio il suo capo, me ne vado. Dietro ci sarebbe un «dossier choc», un’inconfessabile malattia, addirittura la non confessata volontà di «scendere dalla croce». Un segreto nascosto.

Siamo noi diavoli ad agire nel nascondimento. Insinuare altri motivi oltre quelli resi evidenti da Benedetto XVI per la sua rinuncia vuol dire in realtà accusarlo di un movente diabolico. Il Papa, secondo questo modo di pensare, non farebbe un gesto di profonda umiltà e proprio per questo di vera riforma, ma consumerebbe una fredda vendetta. Il suo desiderio di purificazione della Chiesa non si attuerebbe più nel lavoro dell’«umile operaio della vigna del Signore», ma nel gesto rivoluzionario dell’anarchico che sputa tutto il suo risentimento su chi non intende seguirlo.

Forse, più corrivamente, chi scrive certi giudizi lo fa solo per incapacità interpretativa, per tranquillità intellettuale e morale, per ridurre e ricondurre l’enormità della decisione ai facili schemi della politica e delle lotte ecclesiali cui molti poteri sono interessati.

Continua su questa strada, non smettere di ispirare alte preoccupazioni tanto etiche quanto interessate, ma credo che questa volta il fatto superi talmente le possibili interpretazioni che dovremo arrenderci alla sua evidenza. Purtroppo per noi, non c’è nulla da interpretare, non c’è nessun retroscena, è tutto sulla scena. C’è un Papa che ha dimostrato di saper essere libero intellettualmente e nei suoi atti, che ha detto con largo anticipo che non considerava impossibile, semmai «doveroso», il rinunciare, e che oggi lo fa spiegandone in modo manifesto le ragioni: il venir meno della vigoria del fisico e dell’animo necessaria per «governare» la Chiesa in proporzioni tali da «dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato».

A questo punto lo stupore connaturato al senso comune mette in moto un pensiero interessato alla realtà: che cosa è successo? Che cosa significa? Che cosa implica?

La preoccupazione politica, invece, non arresta la sua speculazione e scatena il retropensiero: cui prodest? A chi giova? A nulla serve la motivazione del diretto interessato: al bene della Chiesa. Mentre lo si loda per il coraggio del gesto, gli si dà, di fatto, del mentitore: non ce la racconta giusta.

C’è poi, nell’involgarimento generale di cui siamo contemporaneamente ispiratori e beneficiari, un paragone la cui rozzezza è inferiore solo alla sua banalità: “Ah, imparassero da lui i politici che non vogliono abbandonare la poltrona!”. Potrei farti un lungo elenco di motivi per cui questo accostamento è improponibile, te ne basti uno: il politico ha nel pronunciamento democratico degli elettori il giudizio che lo manda a casa; un Papa ha nel giudizio della sua coscienza davanti a Dio l’unico motivo per non cedere a una concezione democratica del suo ministero. A noi piacerebbe fosse così, ma Benedetto XVI ci ha smentiti anche questa volta. Rassegnati, anzi no, continua a seminar zizzania.

Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana