Google+

Perché Simone è ancora in carcere? Non è questa una tortura?

luglio 27, 2012 Redazione

«Adesso che il tanto atteso avviso di garanzia nei confronti di Formigoni è stato platealmente spiccato, non si comprende perché Simone debba restare dietro le sbarre». Pubblichiamo una lettera che appare oggi sul Foglio a firma di Annalisa Chirico, Radicali italiani

antonio simone tempiRiproponiamo una lettera a firma Annalisa Chirico, Radicali italiani che appare oggi sul Foglio. Sul medesimo tema è intervenuto qualche giorno fa anche il deputato pidiellino Alfonso Papa.

Al direttore – Mi chiedo e le chiedo perché Antonio Simone resta ancora in carcere. Non trovo una risposta. Sono passati oltre tre mesi dal giorno in cui l’ex assessore alla Sanità della regione Lombardia (con la Dc negli anni Novanta) fu spedito a San Vittore nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Maugeri. Qui la diade “innocenza/colpevolezza” non c’entra nulla. Il punto è un altro: il prolungato regime di custodia cautelare in carcere è giustificato oppure no? Adesso che il tanto atteso avviso di garanzia nei confronti di Formigoni è stato platealmente spiccato, non si comprende perché Simone debba restare dietro le sbarre. Il codice di procedura penale mette nero su bianco che il carcere senza condanna è extrema ratio, ad esso si ricorre “quando ogni altra misura risulti inadeguata”. Esistono infatti misure custodiali meno afflittive come gli arresti domiciliari. Nei paesi civili inoltre si usano su larga scala strumenti di monitoraggio a distanza come il braccialetto elettronico. Da noi invece sopravvive l’antico rito ambrosiano. Le manette del carcere preventivo colpiscono quasi il 43 per cento dei detenuti italiani, di questi ben 15 mila attendono un giudizio di primo grado. E se poi si scopriranno innocenti come accadde a Enzo Tortora? Quisquilie. Antonio Simone è un presunto non colpevole (ai sensi della veneranda Costituzione), costretto dietro le sbarre sine die (oggi la carcerazione preventiva in italia può durare fino a sei anni), mandato a processo con le manette ai polsi mentre i pm attendono ansiosi che parli. Se accusi, torni in libertà. Come lo chiama lei un trattamento simile se non “tortura”?
Annalisa Chirico, Radicali italiani 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Luigi says:

    E’ aberrante che tutto questo possa accadere in Italia, la patria del diritto … E del rivoscio evidentemente.
    La carcerazione preventiva viene abbondantemente applicato per costringere il reprobo a confessare chissà quali delitti e coinvolgere più gente possibile.
    I giudici, questi giudici lungi dall’applicare la lettera e lo spirito della legge intendono ergersi -moderni sacerdoti del tempio- a moralizzatori. E’ questa la vera malattia della giustizia italiana.

  2. viccrep says:

    come è possibile denunciare questi pm o giudici che effettuano questi atti, non solo su simone, non c’è strada legale per poterlo fare.
    E’ davvero indispensabile riformare la giustizia, no forse la casta giudiziaria, forse poi per simone e per altri come lui si dovrebbe muovere il ministro, inviando ispettori, forse nessuno vuole andare in quel palazzaccio che sembra più un covo di serpenti

  3. Luigi says:

    E’ aberrante che tutto questo possa accadere in Italia, la patria del diritto … E del rivoscio evidentemente.
    La carcerazione preventiva viene abbondantemente applicato per costringere il reprobo a confessare chissà quali delitti e coinvolgere più gente possibile.
    I giudici, questi giudici lungi dall’applicare la lettera e lo spirito della legge si ergono a moralizzatori. E’ questa la vera malattia della giustizia italiana.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.