Google+

Perché Renzi si comporta “da vecchio democristiano”? Perché sente odore di “Revival Prodi 2006″

gennaio 10, 2013 Vito Costa

Perché dopo la sconfitta alle primarie il sindaco di Firenze ha fatto un mezzo passo indietro? Risparmia i pezzi più pregiati delle sue truppe per il futuro

Senza dubbio le reazioni più forti, all’indomani della presentazione delle liste del Pd per il prossimo Parlamento, le hanno destate le esclusioni eccellenti di alcuni esponenti della “quota Renzi”. Quelli che dovevano essere i diciassette nomi decisi dal sindaco di Firenze, ma che sembrano non essere più di quindici, sono stati concordati con Bersani, stando alle parole di Letta, nel corso del famoso pranzo romano della scorsa settimana. E a giudicare dall’esito, è prevalsa nel “rottamatore” la logica dello staff.

Come già illustrato nell’articolo appena linkato, Renzi ha preferito mandare in Parlamento i membri più prettamente organizzativi del suo entourage, Bonafè, Boschi e Lotti, sacrificando tra questi Reggi e lasciando fuori una componente “tecnica” come il costituzionalista Francesco Clementi. Una scelta non solo in controtendenza con la campagna per la meritocrazia che il sindaco di Firenze ha intrapreso durante le primarie, ma anche rischiosa. Rischiosa perché mette a dura prova il “sentiment” che nei suoi confronti hanno sia i collaboratori più stretti sia i suoi sostenitori. In entrambe queste categorie, infatti, oltre a chi naturalmente se la prende con Bersani, ci sono anche quelli che attribuiscono almeno parte della responsabilità a Matteo Renzi. Lo ha fatto Gori dopo le primarie parlamentari, lo ha fatto Reggi in queste ore e lo hanno fatto anche altri più o meno all’ombra del rottamatore.

Ma perché Matteo Renzi si lascia andare a comportamenti “da vecchio democristiano”, per dirla con Antonio Polito (su Twitter), o comunque così rischiosi? Una chiave di lettura potrebbe essere la stessa con cui in ambienti vicini al sindaco di Firenze si motivava il suo silenzio post-primarie: non vuole farsi coinvolgere più di tanto in quella che prevede essere la corsa verso un revival del Prodi 2006. Adattandola al caso specifico delle liste: risparmia i pezzi più pregiati delle sue truppe (senza nulla voler togliere a Bonafè, Boschi e Lotti) per tempi, durate e battaglie più proficui. Anche perché, ricordiamolo, Renzi è quello del “non più di tre legislature”, dei “politici a tempo determinato” ; e la prossima, anche se non durasse cinque anni, varrebbe comunque come prima tacca.

Un’obiezione a questa interpretazione potrebbe essere che tuttavia Renzi si è impegnato a fare campagna elettorale per Bersani, quindi si è fatto coinvolgere e la faccia ce la metterà. Certo, ma al di là del fatto che questa è stata una scelta coerente con quanto ha sempre affermato durante le primarie, può essere utile rileggere quella che è stata la sua prima uscita nelle vesti di “bersaniano”. Su Repubblica, Renzi ha lanciato segnali chiari, innanzitutto parlando della fase che sta vivendo adesso, quella «della dignità, della lealtà e della correttezza nella sconfitta»:«Io scelgo un’altra via – ha detto – che è anche l’unica per riprovare in futuro a lanciare una nuova sfida». E poi ha precisato: «Prima o poi ci riproveremo. Ci saranno altre stagioni. Non disperderemo lo straordinario patrimonio delle primarie». Ma non solo: «Se avessimo vinto noi sarebbe stata un’Italia diversa e un Pd diverso. Non mi consolo e non mi accontento».

Dunque, Matteo Renzi ha introdotto questo elemento di novità: ha perso, ma rimane nella squadra e gioca per lei «anche se non la allena». In questo modo ha dimostrato ai suoi avversari interni e all’elettorato avverso di centrosinistra qual è la sua credibilità. «La credibilità viene prima di tutto», ha detto. E può essere il primo passo per guadagnarsi le simpatie e il supporto che ancora gli manca per essere maggioranza nel partito. Aiutare la sua squadra oggi per allenarla domani, magari insieme a chi oggi sembra aver ricevuto da lui un trattamento ingrato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana