Google+

Perché la Grecia annuncia il default in anticipo? L’ultima partita di Tsipras

maggio 25, 2015 Leone Grotti

Se la Grecia dichiara davvero default, l’Italia rischia di rimetterci 20 miliardi. Ma l’annuncio di Atene è tutto politico

Certe cose, di solito, vengono tenute nascoste in attesa dell’inevitabile. Invece ieri il ministro degli Interni greco, Nikos Voutsis, ha dichiarato candidamente a un’emittente greca: «Le quattro rate per il Fondo monetario internazionale (Fmi) a giugno ammontano a 1,6 miliardi di euro. Questa denaro non sarà versato, perché non c’è».

MESSAGGIO POLITICO. Perché il ministro di un governo dovrebbe annunciare il default con qualche settimana di anticipo? La risposta la dà ancora Voutsis: «La Grecia ha fatto enormi sforzi per raggiungere un accordo. Ora tocca alle istituzioni fare la loro parte. Noi abbiamo percorso i tre quarti del tragitto, l’ultimo tratto tocca a loro». Il messaggio politico è chiaro: aiutateci o crolla tutto. Atene, infatti, spera ancora di strappare un taglio del debito a costo zero (per la Grecia, ma non per l’Europa) o un serio allentamento della politica del rigore.

MILIARDI DI AIUTI. Secondo la Bbc la manovra greca è tutta politica e «il primo ministro Alexis Tsipras permette ai suoi ministri di sfogarsi nelle interviste per ottenere più credito al momento di negoziare a Bruxelles o Berlino». Il nuovo governo greco tratta da mesi con la vecchia “troika” per ottenere l’ultima tranche da 7,2 miliardi di euro di aiuti su un prestito totale di 240 miliardi. L’Europa, però, continua a chiedere a Tsipras di presentare un piano di riforme serie, altrimenti non avrà i soldi.

BRACCIO DI FERRO. Ora sembra che il governo greco si giochi l’ultima carta a disposizione nel suo braccio di ferro con le istituzioni europee. Non è la prima volta che Atene minaccia il default, ma non l’aveva mai fatto in modo così esplicito. Ad ogni modo, i partner europei non sembrano essere rimasti spiazzati: molti si erano chiesti già a maggio come avesse fatto Atene a trovare i 750 milioni da restituire al Fmi.

ANCORA DEBITI. Il nodo, dunque, non cambia. Anche se la Grecia trovasse gli 1,6 miliardi da dare al Fmi a giugno, senza l’ultima tranche di aiuti non potrebbe saldare le fatture di luglio e agosto. In totale, Tsipras deve trovare 5,95 miliardi di euro a luglio e 4,38 ad agosto. Di questi, 628 milioni spettano al Fmi (452 a luglio e 176 ad agosto) e 6,7 miliardi alla Banca centrale europea (3,5 a luglio e 3,2 ad agosto). I tre miliardi rimanenti sono costituiti da spese varie da affrontare.

L’ITALIA RISCHIA 20 MILIARDI. Annunciare pubblicamente il default, dunque, non cambia la situazione ma l’Italia sta a guardare con ansia. Come affermato alla Repubblica dall’economista Luigi Zingales, «l’Italia rischia di perdere almeno 20 miliardi, la metà dei suoi prestiti diretti alla Grecia, visto che un default al 50% è ragionevole». Quante possibilità ci sono che la Grexit si realizzi davvero? «È probabile, dire 50 e 50».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana