Google+

Perché la finanza mondialista sta smontando gli stati sovrani

settembre 21, 2017 Diego Fusaro

La riduzione del pianeta intero a piano liscio per lo scorrimento illimitato delle merci passa per l’annientamento degli spazi ove la politica possa governare l’economia

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La sovranità nazionale sussiste dopo la caduta del Muro di Berlino come l’ultimo muro di cinta contro il quale i poliorceti del mondialismo scagliano arieti per penetrare nella cittadella e depredarne ogni bene (diritti, beni comuni, tutele a sostegno dei più deboli): la Destra del Danaro aspira ad abbattere quelle mura, per poter spoliticizzare del tutto l’economia deregolamentandola e destrutturando l’ultima linea di difesa dei dominati nel conflitto di classe; la Sinistra del Costume – ancora una volta fornendo le superstrutture alle strutture della Destra del Danaro – delegittima ogni sovranità nazionale, subito identificandola con il ritorno del fascismo, dello stalinismo e del totalitarismo.

Può, così, del resto realizzarsi indisturbatamente l’opera di “privatizzazione”, secondo il lemma con cui l’élite globalista qualifica i propri saccheggi e rapine ai danni delle plebi neofeudali. Gli stati vengono “scassinati” dagli agenti del mondialismo finanziario, i quali, mediante astuti accorgimenti all’insegna della deresponsabilizzazione (riforme con il “pilota automatico”, emergenzialità della crisi, eccetera), si peritano di non lasciare impronte digitali. Il potere concentrato della finanza costringe lo Stato a svalorizzare la ricchezza sociale, di modo che, mediante saccheggi e rapine chiamate “privatizzazioni” e “liberalizzazioni” dall’ordine linguistico dominante, la massa pauperizzata sia privata di tutto e la ristretta cerchia dei signori apolidi del regno finanziario accresca sempre più il proprio patrimonio.

Quando non ci saranno più frontiere
L’oligarchia finanziaria favorisce la sparizione degli enti pubblici e la sopravvivenza esclusiva degli attori privati. Opera in vista della desovranizzazione e, dunque, della spoliticizzazione dell’economico, affinché quest’ultimo, deregolamentato, non possa essere gestito e governato dallo Stato nell’interesse delle comunità democratiche nazionali. Si compie la profezia formulata da Hayek in The Economic Conditions of Interstate Federalism (1939):

«Quando le frontiere smetteranno di esser chiuse e la libera circolazione sarà assicurata, tutte queste organizzazioni nazionali, siano esse sindacati, cartelli od organizzazioni professionali, perderanno le loro posizioni monopolistiche e dunque, in quanto organizzazioni nazionali, il potere di controllare l’offerta dei loro servizi e dei beni».

Gli architetti del mondialismo capitalistico hanno realizzato, a modo loro, l’antico sogno dell’alchemica mutazione del piombo in oro: sono riusciti a trasformare i consulenti d’affari in politici e i politici in consulenti d’affari.

Basti qui rammentare, tra i tanti, i casi di Mario Monti, Mario Draghi e Romano Prodi: i quali, prima dell’ingresso nelle istituzioni dell’Unione Europea, avevano ricoperto incarichi di prestigio presso la banca d’affari Goldman Sachs. Per converso, si può ricordare José Barroso, dal 2004 al 2014 presidente della Commissione europea e, a seguire, dal 2016 presidente non esecutivo e advisor in Goldman Sachs. In effetti, fra i tratti salienti della global class del competitivismo senza frontiere vi è anche il seguente: essa non si espone mai a elezioni democratiche e preferisce agire nell’ombra, operando sui politici al proprio servizio e governandone autocraticamente le scelte.

L’annientamento dell’eticità borghese trova nella distruzione della potenza degli stati sovrani un momento fondamentale: la riduzione del mondo intero a piano liscio per lo scorrimento illimitato delle merci deve intrinsecamente fondarsi sull’annientamento delle sovranità nazionali e, più in generale, sull’annichilimento degli spazi territoriali ove ancora la politica possa disciplinare e governare l’economia.

L’esproprio della moneta
La desovranizzazione e la spoliticizzazione dell’economico sono condizioni inaggirabili per l’assolutizzazione del capitalismo culminante nella mondializzazione intesa, in antitesi con le grammatiche dominanti, come passaggio dell’intero pianeta sotto il dominio non più limitato del mercato sovrano e deregolamentato.

In questo senso, la data fatale del 1989 segnò anche il transito, se non altro in Europa, dal primato della questione nazionale e sociale al primato impersonale delle leggi del libero mercato su qualsivoglia soggettività politica eventualmente in antitesi con tale ordine che si faceva tanto più totalitario quanto più si mostrava in forma suadente e lasca, permissiva e liberal. Dopo il 1989 si attua senza residui l’esproprio forzato della sovranità monetaria dello Stato nazionale ad opera dei mercati transnazionali: per questa via, lo Stato è privato della possibilità di decidere sovranamente una legislazione in materia di politica economica. A ciò si aggiunge, a mo’ di completamento, la fusione – fonte del disastro finanziario del 2007 – delle banche commerciali con quelle d’investimento.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.