Google+

Perché ci sono voluti centosettant’anni per avere un inno (e pure bruttarello)

luglio 29, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Gli italiani che siamo italiani per procurata identità transeunte. Le stesse canzoni battezzate nel ferro e nel fuoco delle trincee hanno più senso di Fratelli d’Italia

inno-italia

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Dopo centosettant’anni Fratelli d’Italia, l’inno di Goffredo Mameli, diventa legge. Forse s’incorre in reato, forse è vilipendio, è decisamente bruttarello nel motivo – per non dire del testo – ma è significativo che si sia atteso così tanto per sottrarlo alla provvisorietà dove lo aveva collocato la cosiddetta Italia repubblicana (pescandolo in fretta e furia dal repertorio risorgimentale).

I tedeschi che sono i tedeschi – la patria che ancora paga il prezzo della sconfitta militare, la Seconda Guerra mondiale – non hanno mai avuto cambiato il loro inno, anzi, in quel pezzo di Italia che fu parte dell’impero lo si cantava nella lingua di Dante: «Salvi Iddio l’austriaco Regno, salvi il nostro Imperatore».

I russi che sono russi – ancora una patria imperiale, mutuata da Roma, adottandone i Cesari – hanno riformulato il testo restituendolo all’istinto di un popolo fedele allo spirito più che al materialismo storico.

Nelle cerimonie di Stato, i russi (che sono i russi) si consentono di farne eseguire ben due di partiture, con quello nato al tempo della Rivoluzione bolscevica c’è infatti – commovente – quello degli Zar perché la storia è quella dell’origine, non certo la provvisorietà propria dei popoli orbi di sovranità.

Gli italiani che siamo italiani per procurata identità transeunte (una volta grazie agli inglesi, un’altra grazie agli americani, domani grazie a George Soros) dei tanti nostri inni possiamo farne un festival dei fuori concorso per non avere mai avuto il tempo di mandarli a memoria. Il beato Regno Duosiciliano fu orbato di oro, industrie, flotte e confini per cantare l’Evviva della marcia sabauda e mal gliene incolse ai piemontesi perché la Carmagnola rabbiosa ancora si canta tra i tratturi mentre la Bella Gigogin galleggia nel laghetto folk.

Le stesse canzoni battezzate nel ferro e nel fuoco delle trincee – su tutte, La leggenda del Piave – hanno più senso di Fratelli d’Italia, per non dire dell’Inno a Roma, musica di Giacomo Puccini e parole prese dall’eterno carme di Orazio. Solo che gli italiani (che siamo italiani) attendiamo sempre cenni d’intesa con chi tiene in pugno la bacchetta. Giusto centosettant’anni e arriva il via libera.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.