Google+

Perché Benedetto XVI non poté parlare alla Sapienza. Un libro ricostruisce il caso

marzo 27, 2014 Redazione

Grazie alle testimonianze del rettore, del cappellano e di professori e studenti si ripercorre il caso del 2008. Storia di un’occasione persa (soprattutto per i professori)

benedetto-xvi-sapienzaRicordate quando Benedetto XVI non poté parlare alla Sapienza di Roma? Domani, nella stessa università della Capitale, sarà presentato un libro che promette di ripercorrere quell’incresciosa vicenda. Si tratta di Sapienza e libertà. Come e perché papa Ratzinger non parlò all’Università di Roma (Donzelli editore). E’ stato scritto dal giornalista Pier Luigi De Lauro e contiene una prefazione di Walter Veltroni.
Il volume, stando almeno alle prime informazioni, sembra interessante. Esso, infatti, contiene – oltre al testo dell’intervento del Papa – anche interviste all’allora rettore Renato Guarini, a padre Vincenzo D’Adamo, cappellano dell’università, a Carlo Cosmelli, uno dei docenti di Fisica che ne contestarono la presenza, e a Gianluca Senatore, allora responsabile dell’organizzazione più rappresentativa degli studenti. Ed è proprio grazie a queste interviste che i fatti vengono ricostruiti con precisione e, in più, ne vengono svelati di nuovi, successivi a quel “non incontro”.

I FATTI. Guarini aveva invitato il Papa all’inaugurazione dell’anno accademico e la visita era prevista per il 17 gennaio 2008. Nei mesi precedenti, il rettore aveva comunicato la sua decisione al Senato accademico, ben felice che un Pontefice (così come avevano fatto Paolo VI nel 1964 sempre alla Sapienza e Giovanni Paolo II a Roma Tre nel 2002) varcasse le soglie di una università. Ratzinger avrebbe dovuto svolgere un saluto al termine della cerimonia e non una lectio magistralis, come erroneamente fu al principio comunicato. Ma tanto bastò a sollevare le polemiche. Prima con un intervento sul Manifesto di Marcello Cini, poi con una lettera firmata da 67 docenti della facoltà di Fisica e apparsa il 23 novembre.
Secondo il libro, a far davvero esplodere il caso fu Repubblica che, il 10 gennaio, rilanciò la lettera che portò alla triste rinuncia di Benedetto XVI. Non parlò alla Sapienza, limitandosi a mandare il testo del suo intervento.

OCCASIONE SPRECATA. Come nota giustamente Alessandro Zaccuri sulle pagine di Avvenire, l’aspetto che pare più interessante del libro sono le parole dello studente Senatore. Il quale racconta che, fino ad allora, non aveva mai letto nulla degli scritti di Ratzinger. Fu proprio quell’episodio ad avvicinarlo alla sua produzione intellettuale. E la conclusione del ragazzo è che se i professori, soprattutto Cini, avessero fatto lo sforzo di non fermarsi ai loro pregiudizi, ma avessero letto il testo di Ratzinger, vi avrebbero trovato molti spunti di approfondimento critico sulla deriva delle tecnoscienze. Ma quello sforzo, i professori della Sapienza non vollero farlo. E persero un’occasione non per parlare di fede, ma di scienza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Luke scrive:

    Miserabili, sono dei miserabili.
    E’ stata una vergogna che ancora oggi indigna.
    Dovrebbero passarsi una mano sulla coscienza loro, questi professori delle nostre calzette, invece di attaccare ed insultare un uomo di statura storica e culturale che neanche possono immaginare di sognarsi.
    Non sono altro che i depositari di una cultura miseramente ideologica e raccogliticcia.
    Non sono niente per porre delle simili e oscene censure anticattoliche.
    Niente sono, e niente rimarranno, a differenza di Papa Benedetto XVI.

  2. Antonio scrive:

    una delle pagine più squallide, schifose, indegne dell’università italiana e del Paese intero. Un chiaro esempio del livello di civismo di coloro che si auto proclamano intellettualoni aperti,tolleranti, pacifisti. Uno schifo di intolleranza anticristiana ed anticlericale difficile da dimenticare. L’università ostaggio di masnade di balordi di estrema sinistra, spinellati, straccioni, vagabondi,barboni indecenti e violenti intolleranti assortiti che, non paghi di aver convinto l’allora Pontefice ad assistere all’inaugurazione dellanno accademico, hanno imbastito pagliacciate circensi e tavolate di “porchetta anticlericale” oltre che squallide raccolte di firme per solidarizzare con gli pseudo-docenti contrari alla presenza del Papa e rincarare la dose di offese. Il quale pontefice per scongiurare tafferugli vari di quei facinorosi, si è comportato da gran signore rinunciando a prtesenziare all’evento. Più squallide ed insopportabili ancora la politica, istituzioni, media nei quali quasi nessuno ha espresso ad alta voce solidarietà a Benedetto. Enfatizzando il clima di odio e intolleranza che subìsce la Chiesa, anche su internet. Il Papa avrebbe letto un bellissimo messaggio, non veniva certo ad okkupare l’ateneo, per quelle cose ci sono i suddetti sinistrati, gran somari ma molto esperti in materia.

  3. carmen scrive:

    “Chigl nun sape manc chi gli ha criat”. Quello non sa nemmeno chi lo ha creato. E’ un detto delle mie parti quando ci si riferisce ad una persona estremamente ignorante, che non conosce nemmeno la sua origine: Dio. Si può credere o non credere ma ognuno penso si interroghi sulla propria origine. La sapienza non è solo sapere, ma discernimento per trovare ciò che da sapore alla vita. Non a caso sapere e sapore hanno la stessa radice e sciapo è sinonimo di sciocco. Strano che un ateneo che ha la dea SAPIENZA che campeggia all’entrata non abbia voluto confrontarsi con una SAPIENZA più grande dimostrando di essere una minestra sciapa.

  4. michele scrive:

    Occhio alla bestemmia involontaria. Un detto molto saporoso!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana