Google+

Perché a Sesto San Giovanni si voterà al ballottaggio pensando anche alla grande moschea

giugno 16, 2017 Francesca Parodi

«Il centro sinistra trascura argomenti come la sicurezza e l’integrazione dei migranti», ci spiega il candidato sindaco di centrodestra Roberto Di Stefano

amministrative-ansa

L’ex «Stalingrado d’Italia», il comune milanese di Sesto San Giovanni, forse non è più così rosso: nelle ultime elezioni amministrative Forza Italia, Lega e Fdi con Roberto Di Stefano sono arrivati al ballottaggio con il 25,96 per cento (7.369 voti). A sfidarli, Pd, Sinistra in movimento, La Fabbrica e Insieme con l’attuale sindaco Monica Chittò, che hanno raggiunto il 31,16 per cento (8.846 voti). Al netto del generale crollo dell’affluenza, è un dato significativo che conferma che in Lombardia il Pd sta arretrando nel suo fortino (l’area metropolitana), perdendo Abbiategrasso e Melzo. Anche nei capoluoghi lombardi di Lodi e Como è in calo, mentre il centrodestra, che quasi ovunque si è presentato unito, risulta competitivo. Il M5s rimane fuori dai ballottaggi, quindi la sfida resta tra centro destra e centro sinistra.

SICUREZZA, DEGRADO, MIGRANTI. «A Sesto siamo arrivati al ballottaggio perché i cittadini sono stufi della pessima amministrazione attuale, che ha perso di vista le priorità» spiega a tempi.it Di Stefano. «Dall’altro lato, c’è un lungo lavoro portato avanti dall’opposizione in maniera capillare che ha saputo rispondere alla voglia di cambiamento della comunità». Concretamente, i temi che più toccano la sensibilità cittadina sono la sicurezza, la lotta al degrado, la gestione delle case popolari e dell’integrazione dei migranti. «Sono argomenti che il sindaco Chittò ha toccato solo ideologicamente, senza proporre soluzione concrete e ottimali, generando così una serie di disagi per tutti». La questione più incandescente è quella dei migranti: «Vedo cittadini italiani sfrattati e costretti a dormire in macchina, mentre agli stranieri vengono assegnate case popolari. Siamo alle solite: chi ha lavorato per una vita per il suo paese viene sbattuto in strada, mentre l’ultimo arrivato passa davanti a tutti».

MOSCHEA ABUSIVA. Altro grave problema, sostiene Di Stefano è quello della moschea: il Consiglio comunale di Sesto San Giovanni sta progettando di costruire nel proprio comune la più grande moschea del nord d’Italia (che potrà ospitare fino a 4 mila fedeli). Come denunciato dal candidato di centro destra, i principali finanziatori sono in gran parte emiri del Qatar, e in particolare di Qatar Charity Foundation, un fondo che investe in tutta Europa per costruire centri islamici, accusato di diffondere l’islam più radicale e fondamentalista. «Ma questa moschea risulterebbe abusiva. I tecnici dell’ufficio urbanistico della Regione Lombardia hanno scritto tre mesi fa al sindaco invitandola a intervenire, ma Chittò tergiversa e si tira indietro per continuare a difendere la sua posizione». Come spiega Di Stefano, la struttura non rispetterebbe la Legge regionale sui luoghi di culto, per esempio non è stata eseguita una valutazione ambientale strategica (cioè un referendum tra i cittadini per esprimersi nel merito) e la moschea non è stata prevista nel Piano delle attrezzature religiose che il Comune avrebbe dovuto redigere nella propria pianificazione urbanistica. Di Stefano precisa però subito la posizione in merito del centro destra: «Noi non siamo contro la moschea in sé, anzi, siamo favorevoli alla libertà di culto. Però questa struttura deve rispettare tutte le norme legislative previste, a maggior ragione se si tratterà di un centro così imponente. Certamente anche questo ha avuto un peso notevole in sede di votazione».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download