Google+

Il rigore non fa uscire dalla crisi e «il tempo dell’austerity è finito». Forse anche l’Europa se n’è accorta

dicembre 15, 2014 Matteo Rigamonti

Il piano Juncker che verrà approvato questa settimana potrebbe segnare una vera svolta. Intervista al sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi

«È finito il tempo dell’austerity. L’Europa ne prenda atto e potenzi il piano Juncker da 315 miliardi di investimenti, che è imponente ma va allargato. E la Germania faccia la sua parte». Così il sottosegretario di Stato agli Affari europei Sandro Gozi (foto a fianco) traccia a tempi.it la strada da seguire per tornare a crescere, in vista di quella che potrebbe rivelarsi una delle settimane più decisive non solo per l’Italia, ma per l’intera Unione europea. Questa settimana, infatti, sarà approvato il piano del nuovo presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker per finanziare nei prossimi tre anni settori strategici dell’economia e rilanciare l’occupazione.

Perché ha dichiarato a Repubblica che «la mancata crescita è frutto dell’austerità»?
L’Italia è tra i paesi che hanno adottato le più forti misure di austerity e fatto moltissimo per risanare i conti pubblici, eppure il debito continua ad aumentare. Il controllo dei conti non basta mai se non è accompagnato da rigorose politiche di sostegno alla crescita.

Non sembra che a Bruxelles la pensino allo stesso modo. Come mai?
La ricetta teorizzata e seguita dalla Commissione in questi anni si è dimostrata sbagliata alla prova dei fatti. Era parziale e insufficiente. Parziale perché non si può pensare di risanare i conti unicamente attraverso l’austerità e il rigore; insufficiente perché è la matematica a dimostrare che il rapporto del debito sul Pil non si riduce se non torna a crescere il denominatore, ovvero il prodotto interno di una nazione. Questo è vero a maggior ragione oggi, che non ci troviamo più nell’occhio del ciclone finanziario.

Cosa significa concretamente «puntare su crescita e occupazione»?
Innanzitutto, il piano di investimenti voluto dal commissario Juncker è un chiaro impegno che va in questa direzione. Ma occorre anche sviluppare una nuova politica di investimenti da parte degli Stati membri che accompagni quella europea; specialmente da parte di chi, come la Germania, dispone di maggiori margini di bilancio. Al G20, ormai, se ne sono accorti quasi tutti. L’Europa non può restare indietro.

E l’Italia cosa può fare se è continuamente sotto la “spada di Damocle” del patto di stabilità interno?
È positivo che l’apporto dei singoli Stati agli investimenti non sia computato come debito pubblico ai fini del calcolo del patto di stabilità interno. Le istituzioni europee hanno riconosciuto che non tutta la spesa pubblica è per forza negativa. Del resto, se ci sono margini di flessibilità è bene sfruttarli al meglio, pur nel rispetto delle regole comuni. Ciò non toglie che ci siano voci della spesa corrente di una nazione che devono essere riviste e migliorate, sia come effetto di una spending review interna sia come efficientamento della pubblica amministrazione.

Cos’altro possono fare gli Stati membri per favorire la ripresa?
Le riforme strutturali. Nel nostro caso significa, innanzitutto, proseguire nella riforma del mercato del lavoro, della giustizia civile e della pubblica amministrazione. È il miglior modo che abbiamo per rafforzare la nostra credibilità e capacità di influenza rispetto alle decisioni che competono l’Europa.

La cancelliera tedesca Angela Merkel, però, ha dichiarato al Die Welt che le riforme fatte finora sono insufficienti. Perché?
L’ha detto ma sia lei che il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble sono poi intervenuti ribadendo che apprezzano quanto il nostro Paese sta facendo per uscire dalla crisi. È poi compito della Commissione vigilare sul percorso delle riforme degli Stati membri, non certo degli altri Paesi. Tutto questo, però, ci ricorda che il lavoro politico che dobbiamo fare è innanzitutto quello di ricostruire il più grande capitale che si è perso in questi anni di crisi: non è un capitale finanziario, non è un capitale economico e non è nemmeno il numero di posti di lavoro, che pure sono tanti, che sono andati persi. È, invece, la fiducia reciproca che dobbiamo lentamente ricostruire.

A proposito di fiducia, in Italia c’è ancora chi non ha lavoro e chi non vedrà la pensione prima di 41 anni di contributi. Cosa dice il governo a queste persone?
Che abbiamo cominciato a dare le prime risposte concrete agli esodati; risolveremo quel problema e anche quello delle pensioni dei lavoratori autonomi, che oggi purtroppo sono minime. Abbiamo pure cominciato a ridurre la pressione fiscale, facilitando le assunzioni per i più giovani. Abbiamo anche lavorato per aumentare il potere di acquisto dei redditi più bassi con il bonus da 80 euro. Ma sappiamo anche che va fatto molto di più per fare in modo che in Italia gli imprenditori tornino ad assumere. Ci stiamo lavorando.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Jens scrive:

    Non serve dare 80 € al mese alle famiglie per sperare di far ripartire i consumi. Un interessante articolo sul Corriere (http://numerus.corriere.it/2014/12/11/non-ci-sono-scorciatoie-gli-italiani-non-torneranno-ai-consumi-precrisi/) indica che questa crisi ha radicalmente cambiato la mentalità e il modo di agire delle famiglie italiane. La gente, se ha 80 € in più, se li mette sotto il materasso, mica li usa. Posto che si riesca a uscire da un periodo come questo in cui le tasse sono altissime, posti di lavoro non ce n’è, gli stipendi sono bassi, dunque si fa molta fatica ad arrivare a fine mese, la gente non tornerà certo a spendere.
    L’unica strada per poter andare avanti è fare investimenti intelligenti. Ma per attirare capitali esteri occorre riformare giustizia e burocrazia (per far aumentare la fiducia), nonché ridurre del 15-20% le tasse sul lavoro (per far arrivare i soldi).
    Strada durissima da percorrere, perché significa andare a intaccare privilegi sedimentati da 30-40 anni di immobilismo. Ma è l’unica.

  2. Tommasodaquino scrive:

    mai letto tante sciocchezze economiche condensate in un unica frase.
    “L’Italia è tra i paesi che hanno adottato le più forti misure di austerity e fatto moltissimo per risanare i conti pubblici, eppure il debito continua ad aumentare.”
    Cioè praticamente è stata fatta così tanta austerity che è aumentato il debito (occhio il debito come valore assoluto, non il rapporto debito/pil). Lo stato italiano ha fatto così tanti tagli che la spesa pubblica da quando è stata adottata l’austerità è SEMPRE AUMENTATA. Che strano che siano aumentati i debiti….Forse sarebbe il caso di dire che l’austerità è stata fatta fare alle famiglie ed imprese. Per fortuna che i soldi che lo stato ha sottratto ai cittadini sono stati usati alla grande.
    p.s. se non ricordo male è in corso una specie di raccolta firme per impedire che i “poveri” consiglieri regionali ed assessori non rinuncino alla loro sudatissima pensione da 4 e rotti mila euro al mese…. ah dannata austerità, mi viene da spendere qualche lacrima….

  3. Filippo81 scrive:

    L’austerità ha riguardato essenzialmente le classi medio-basse, per alcune categorie invece (banchieri,finanzieri,politici ecc) le vacche da grasse che erano sono diventate obese.

  4. Cisco scrive:

    Basta con l’austerity? Veramente esilarante, e quando mai lo stato Italiano ha ridotto le spese? Si parla da decenni di spending review, ma le fameliche clientele sguazzano sempre nell’oro (salvo essere ogni tanto beccate come la banda romana) e la PA non è ancora stata riformata. L’unico investimento utile che lo stato può fare e’ ridurre le tasse tagliando la spesa, e magari defiscalizzare o incentivare alcuni settori ritenuti strategici, ma solo nell’ottica di un miglioramento della competitività delle nostre imprese, vero e gravissimo handicap dell’Italia. Sono gli imprenditori a dover investire, lo stato li supporti. Come evidenziato dall’articolo di Casadei, nei paesi anglosassoni trasformati in stamperie la crescita c’è stata, peccato che il debito e’ esploso, altro che crescita del denominatore per migliorare la situazione!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana