Google+

Per trent’anni hanno pregato davanti a una croce dipinta sul muro. Ora avranno una chiesa

ottobre 15, 2015 Redazione

Accade in Egitto, dove una comunità di 250 famiglie cattoliche ha finalmente ottenuto il permesso di costruire l’edificio. «Colpa di burocrazia e fanatismo»

Kom Boha

Sono ormai trent’anni che le 250 famiglie cattoliche di Kom Boha, villaggio a 60 chilometri da Assiut nell’Alto Egitto, attendono di poter avere una Chiesa.

La comunità cattolica è composta da 1500 fedeli e finora la messa è stata celebrata in un piccolo spazio messo a disposizione da una famiglia. La comunità è costretta a riunirsi per pregare davanti ad una croce dipinta sul muro.

Ora finalmente, grazie ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, i fedeli di Kom Boha potranno avere una Chiesa, che sarà intitolata a San Giorgio. Così quel terreno che con fatica la comunità aveva acquistato ben 22 anni fa, non resterà più vuoto. La comunità ha già iniziato i lavori, gettando le fondamenta della struttura, che sarà di 450 metri quadri. ACS li sosterrà, donando loro quanto necessario a terminare la costruzione.

Non sono poche le difficoltà affrontate in questi anni, come spiega ad Aiuto alla Chiesa che Soffre monsignor Kirillos William, vescovo cattolico di Assiut. «Più e più volte abbiamo fatto richiesta per poter costruire la nostra Chiesa, ma l’autorizzazione ci è sempre stata negata. In parte per colpa della burocrazia, e in parte a causa del fanatismo di certi impiegati statali».

In Egitto la legislazione relativa alla costruzione delle Chiese è una delle principale preoccupazioni dei cristiani. Contrariamente a quanto accade per le moschee, infatti, ottenere permessi per costruire altri edifici religiosi può comportare attese anche di molti anni. Per questo, in vista delle prossime elezioni legislative del 18 ottobre, le Chiese egiziane hanno preparato una bozza comune di riforma della procedura di autorizzazione. «Il Parlamento dovrebbe discutere la legge al più presto e speriamo che sia approvata. Noi cristiani desideriamo essere trattati alla stregua di tutti gli altri cittadini e desideriamo delle leggi che riflettano la Costituzione e che siano approvate dal parlamento. E non accettiamo più di essere considerati cittadini di seconda classe».

Tratto da Acs


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana