Google+

Paulo e Felipe, i gemelli salvati dall’aborto, oggi diventati entrambi sacerdoti

agosto 21, 2013 Benedetta Frigerio

La singolare vicenda di due fratelli cileni che, solo in seminario, hanno scoperto il gesto di libertà della madre: «Tutto era già contenuto nel suo sì»

«È stata la saggezza di mia madre, del suo cuore che ci ha permesso di sapere di un evento così incredibile al momento giusto». Questa è la storia di due gemelli cileni, diventati entrambi sacerdoti cattolici a 28 anni nell’aprile del 2012. Paulo e Felipe l’hanno raccontata al canale Cna. Il primo ha spiegato di aver sempre pensato che la sua vocazione sacerdotale fosse nata durante l’adolescenza, mentre poi ha scoperto che tutto era già contenuto nel «“sì” di mia madre».

UNITI DALL’INIZIO. Quello che i due giovani hanno riportato lo sono venuti a sapere quando erano già al sesto anno di seminario. La madre, Rosa Silva, residente nella città cilena di Laguinillas de Casablanca, scoprì nel 1984 di aspettare un figlio dopo che si era appena esposta ai raggi-x per via del suo lavoro in ospedale. Durante l’ecografia il medico le disse: «C’è qualcosa di strano: il bambino ha tre braccia, e i suoi piedi sono come intrappolati. Ha pure due teste». Nonostante parole così forti, a cui seguì il consiglio di abortire («tratta di quello terapeutico permesso in Cile») la madre dei gemelli rifiutò la proposta. I dottori provarono a insistere, spiegandole che la sua stessa vita era in pericolo. Ma Silva non cedette.
Il 10 settembre 1984 la donna partorì Felipe, un bambino perfettamente sano. Anche se subito dopo ci fu un’ulteriore complicanza: la placenta non usciva dal ventre della donna, perciò i dottori i dottori le proposero un raschiamento. Silva si oppose di nuovo, spiegando che sentiva in sé la presenza di un altro bambino. Così Paulo nacque 17 minuti dopo suo fratello: «Quest’ultimo dettaglio – precisa don Paulo stesso – è molto significativo per me». Perché se i medici avessero fatto un raschiamento, ora il ragazzo potrebbe essere morto o gravemente handicappato.

ABBANDONO E RITROVAMENTO. Molto presto i due giovani, pur essendo cresciuti in una casa cattolica, lasciarono la Chiesa. Ma alla fine del liceo il dolore causato dalla crisi familiare, che portò al divorzio i loro genitori, li riavvicinò entrambi a Dio. Don Paulo ha spiegato che, nonostante la lontananza, ha sempre provato nostalgia per il sacramento dell’Eucarestia, per i canti gregoriani e per il silenzio. Mentre don Felipe ha raccontato il suo riavvicinamento alla fede grazie a un sacerdote: «Dio mi stava chiamando. Capii che era in Dio e nelle cose di Dio che ero davvero felice. Non avevo dubbi: volevo diventare sacerdote». Fra di loro, non si confidarono i rispettivi desideri: «Credo che Dio abbia permesso che le cose andassero così per preservare la libertà della nostra risposta alla Sua chiamata», ha commentato don Paulo.
Finché nel 2003, all’età di 18 anni, i due scoprirono che sarebbero entrati insieme in seminario. Inizialmente, per la famiglia fu un colpo. Ma poi Silva, dopo il primo anno di seminario, confessò ai figli che era in pace vedendoli entrambi felici. In effetti, ha scherzato don Felipe, «Dio non ci ha presi mica in giro: Lui ci vuole felici».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana