Google+

Patrizia Aldrovandi: «Chiedo ai poliziotti onesti che sollevino la loro voce con la mia»

aprile 30, 2014 Chiara Rizzo

La mamma di Federico, ucciso da 4 poliziotti applauditi ieri dal sindacato Sap: «Il fatto che indossino ancora la divisa “legittima” quegli applausi». Oggi l’incontro con il capo della polizia Pansa

«Mio figlio, purtroppo, è diventato il simbolo delle vittime di delinquenti che indossano la divisa impropriamente. Però quelli che hanno tolto la vita a mio figlio sono altrettanto simbolo della violenze perpetrate in divisa. Credo che anche un provvedimento nei loro confronti sia importante»: lo ha chiesto Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi, nel corso di una conferenza stampa al Senato, dopo le polemiche sugli applausi tributati dal congresso del Sindacato autonomo di polizia (il Sap) ai quattro agenti condannati dalla corte di Cassazione nel 2012 per eccesso colposo in omicidio colposo proprio per il caso Aldrovandi.

«MI SOTTRAGGO A DIALOGO “MALATO”». Moretti ha proseguito: «La solidarietà non basta più, la politica deve entrare nella questione e deve far cambiare anche la polizia, perché le famiglie non possono restare sole». Si è augurata «che nell’ambito della polizia si cambiasse registro. È un discorso più esteso alle forze dell’ordine: vorrei una polizia su cui poter contare, non una di cui aver paura. Lo chiedo anche per i poliziotti onesti, so che molti di loro non meritano questo». Sui poliziotti responsabili dell’omicidio, la donna ha detto: «Mi sottraggo al dialogo malato con gli assassini di mio figlio, con chi vuole fare prove di forza. Non voglio più parlare con loro. La parola ora deve passare alla politica e alle istituzioni».

REATO DI TORTURA. Uno dei nodi centrali del processo Aldrovandi è stato la mancata presenza nel nostro codice penale del reato di tortura (mancanza che ha portato alla condanna definitiva, molto esile, di 3 anni e 6 mesi). Nel corso della conferenza di oggi Patrizia Aldrovandi ha spiegato che «Queste persone hanno disonorato la divisa e andavano radiate e, come ripeto da tempo, va introdotto il reato di tortura (un disegno di legge, dopo l’esame del Senato, ora è al vaglio della Camera, ndr.). Chi è diventato il presidente del Sap al congresso di ieri ha fatto della vicenda di mio figlio la propria campagna elettorale, portando i delegati ad applaudire. Quello che chiedo, anche per i poliziotti onesti, è che la loro voce si sollevi insieme alla mia, vorrei che questa diventasse voce pubblica». Ancora sull’applauso la donna ha commentato: «Al di là dell’applauso, il fatto che i tre poliziotti condannati continuino ad indossare la divisa ha legittimato quell’applauso». Ai cronisti che chiedevano se fosse giusto radiarli dalla polizia, la donna ha replicato: «Non lo chiedo solo io, sono nati dei movimenti per chiederlo».

INCONTRO CON PANSA E ALFANO. Oggi alle 16 Patrizia Moretti Aldrovandi incontra il capo della polizia, Alessandro Pansa, che l’ha chiamata stamattina per esprimerle solidarietà e condannare gli applausi ieri al Sap. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, sempre in segno di solidarietà, oggi ha disdetto un appuntamento in calendario con il Sap, e ha fatto sapere che «Se gli impegni istituzionali (il Csm nel pomeriggio, ndr.) me lo consentiranno, sarà un piacere incontrare la signora Aldrovandi».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. filomena says:

    Strano che nessuno di voi tanto critici nei confronti dei sindacati, su questa indegna vicenda non dite una parò lo contro il SAP. Che sia perché è sostenuto dalla destra autoritaria che tanto vi piace? Non sia mai….

    • gianni says:

      Filomena occhio che i poliziotti incriminati erano trans e no tav travestiti in divisa.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.