Google+

Parte il gioco di tempi.it per Euro2012. Indovina il campione misterioso

giugno 8, 2012 Redazione

Parte il concorso di tempi.it per i massimi esperti di calcio europeo. Chi indovina, vince un’intervista. Primo indizio, gioca in Italia…

Al via il grande gioco di tempi.it riservato agli esperti di calcio più malati. A partire da oggi, pubblicheremo durante tutto il periodo degli Europei il ritratto di un calciatore misterioso. Sfidiamo i nostri lettori a indovinare chi è, tra i convocati di tutte le Nazionali partecipanti, il campione in incognita. Però attenzione, questo non è un gioco a premi, è molto di più. È un gioco a fama: per il vincitore c’è in palio uno spazio di celebrità.
Le risposte (nome e cognome del calciatore) dovranno pervenire via e-mail all’indirizzo redazione@tempi.it, specificando nell’oggetto “campione misterioso“. La redazione provvederà a contattare il vincitore. In caso di più vincitori, il fortunato sarà estratto a sorte.

Primo indizio. Gioca in Italia. Vabbé facile, direte voi… però il giocatore di cui stiamo parlando non è che abbia proprio lasciato il segno dalle nostre parti. In pochi si sono accorti di lui: la sua è stata un’annata molto sofferta, a tratti anonima, se non fin troppo negativa. Difficile per un cuore freddo e barbaro come il suo ambientarsi là dove il caldo vento di scirocco soffia da sud, spazzando via una stagione orribile.

Pensare che invece nei tre anni precedenti, quando a spingere le sue gambe era il vento freddo del nord, il suo l’ha sempre fatto, eccome. Cioè, non immaginatevi un bomber da 20-25 gol l’anno. Le sue cifre sono sempre state più basse, anche se un paio di perle da fuoriclasse le ha regalate. Pensate che una volta nel 2008 recuperò una palla a centrocampo, avanzò lentamente cercando qualche compagno cui passarla. Tutti fermi, tutti marcati: vabbé, disse lui, per non saper né leggere né scrivere a ‘sto punto tiro dritto e vado in porta. Testa bassa, scatto veloce, palla appiccicata al piede: si trovò in area e fece pure gol. Fu una rete straordinaria, la migliore di tutta la stagione secondo la federazione dove giocava allora. Applausi a non finire, ma le sue gambe, mai paghe, qualche mese dopo concessero il bis: un’altra sgambata di 65 metri, dalla sua difesa alla porta avversaria. Una progressione fantastica, dove sembra di vedere una di quelle navi vichinghe solitarie che solcavano impavide i mari del nord.

Galoppate che quest’anno in Italia ha tenuto tutte per sé… Peccato. Forse è solo un discorso di latitudine, il che renderebbe interessante attendere i match che lo vedranno protagonista agli Europei, nel profondo est e profondo nord di Polonia e Ucraina.

Vedremo: certo, nessuno pretende da lui un altro coast to coast, i suoi tifosi s’accontenterebbero che faccia bene il suo, magari impreziosendo i match con qualche bella incornata su calcio d’angolo, che è una specialità della casa, o magari con un bel tiro dal dischetto, altro suo pezzo forte, sempre se qualche zingaro non glielo ruba. È vero, c’è da aspettarsi che un po’ di emozione la proverà, dato che se dovesse scendere in campo sarà per lui l’esordio in queste competizioni internazionali: 4 anni fa era in squadra per gli Europei di Svizzera e Austria, ma non giocò neanche un minuto, mentre con tutti i club in cui ha giocato non ha mai potuto disputare un match di coppa. Era troppo giovane infatti quando la squadra che ne ha dato i natali calcistici, nel 2000 sbatté fuori dai preliminari di Champions League un’italiana, allenata da uno che ora lavora un po’ lontano da qui, migliaia e migliaia di chilometri ad est. Per il suo club fu un vero successo, e gli permise di andare a sorpresa alla fase a gironi della Coppa. Ma a questo punto ho detto troppo. Chi sarà il giocatore segreto?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana