Google+

Il parroco e il ladro di ostie

dicembre 29, 2015 Emanuele Boffi

O della differenza tra il grande romanzo di Victor Hugo e la burocratica giustizia italiana

les-miserables-film

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – In una memorabile scena de I miserabili di Victor Hugo monsignor Myriel non solo perdona Valjean per il furto della sua argenteria, ma gli regala anche i candelabri d’argento, salvandolo dalle grinfie della gendarmerie. Qualcosa di simile tentò di fare in primavera don Duccio quando scoprì con sgomento che dall’altare della sua parrocchia a Mattarello (Trento) era scomparsa la teca dorata contenente qualche ostia.

Scattò la denuncia e partirono le indagini che, in verità, si conclusero in un amen. Ad aver rubato le quattro particole era stato un disadatto del paese, un poverocristo mezzo alcolizzato e senza fissa dimora che, un po’ alticcio, s’era intrufolato in chiesa e, immaginando chissà quali profitti, s’era impadronito della teca. Scoperto, l’uomo aveva subito confessato e chiesto perdono al parroco tramite una lettera. Don Duccio accolse la richiesta di buon cuore, assicurando al ladro di ostie perdono e preghiere.

Tuttavia, poiché la giustizia italiana assomiglia troppo spesso a una macchina automatica priva di senno, il processo nei confronti del senzatetto è proseguito imperterrito fissando l’udienza per i primi mesi del 2016. Poveri noi.

Questo ci conferma non solo che non esista forma più alta di giustizia che la misericordia cristiana, ma anche che non esiste buon senso nella burocrazia giudiziaria. Oggi un monsignor Myriel non solo non basterebbe a fermare la gendarmerie, ma molto probabilmente si beccherebbe una denuncia per concorso esterno in furto di candelabri.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Angosciante verità, Emanuele Boffi.
    Farebbe bene, in questo caso, il sacerdote a presentarsi a fianco del barbone per rasserenarlo; un barbone, solo, senza nessuno, forse con il suo cane, un barbone perdonato….

  2. Menelik says:

    Anche a San Filippo Neri successe un caso simile.
    Il ragazzetto in questione si chiamava Cirifischio, che poi da grande fece una tragica fine.
    La cecità della giustizia della Repubblica è proverbiale: basti pensare al caso di Ermes Mattiello di Arsiero, morto di crepacuore poche settimane fa.
    Un caso completamente diverso, ma la giustizia politicizzata gli ha regalato un infarto di crepacuore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download