Google+

Parigi accusa Scientology di «associazione a delinquere con finalità di truffa»

febbraio 3, 2012 Daniele Ciacci

La Corte d’appello di Parigi ha condannato due sedi storiche della setta a un pagamento totale di 600 mila euro per «associazione a delinquere con finalità di truffa». Quattro membri del ramo francese sono stati condannati a due anni di arresto con condizionale che varia dai 10 ai 30 mila euro. Per Scientology si tratta di «errore giudiziario» e i seguaci gridano allo scandalo.

«Noi valorizziamo gli artisti come Tom Cruise e John Travolta». Così inizia il reclutamento nelle schiere di Scientology degli aspiranti creativi francesi. I celebri personaggi di Scientology erano usati come specchietti per le allodole. I nuovi adepti, sperando di raggiungere i traguardi dei propri beniamini, s’inserivano in un ciclo di vitamine, saune, test sulla personalità. Infine, l'”elettrometro” valutava la capacità “mentale” del soggetto. Sempre troppo scarsa. Iniziava così un altro ciclo di interventi volti a rendere il futuro artista un genio. Senza risultati.

Questa è la storia di alcune persone coinvolte nello scandalo francese di Scientology. La Corte d’appello di Parigi ha condannato due sedi storiche della setta a un pagamento totale di 600 mila euro per «associazione a delinquere con finalità di truffa». Quattro membri del ramo francese sono stati condannati a due anni di arresto con condizionale che varia dai 10 ai 30 mila euro. Non è tardata la risposta della setta: è un «errore giudiziario» che mina la libertà religiosa garantita dal 1905. I seguaci gridano allo scandalo.

Ma le schermaglie tra Parigi e Scientology non hanno radici recenti. È il 1998: cinque francesi denunciano la setta per estorsione di denaro. Il procedimento, bloccatosi dopo 8 anni, si è riaperto nel 2009 quando Scientology ha chiesto alla Corte d’appello 1 milione di euro di danni, senza risultato. La decisione della corte d’appello di ieri, invece, potrebbe aprire la strada verso la dissoluzione definitiva della setta in Francia. Qui, il culto di Ron Hubbard conta 45 mila adepti. E tutti hanno superato il test dell’elettrometro.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download