Google+

Papa Francesco racconta il suo viaggio in Terra Santa. E parla anche della riforma e degli scandali della Chiesa

maggio 27, 2014 Redazione

Di ritorno dal suo viaggio, il Pontefice ha risposto alle domande dei giornalisti sull’aereo. Dall’uomo inteso come «scarto» ai cristiani perseguitati, dallo Ior alla pedofilia alla comunione ai divorziati

Si è concluso ieri il viaggio di tre giorni di papa Francesco in Terra Santa. Di ritorno sull’aereo, il Pontefice ha risposto alle domande dei giornalisti sui più diversi argomenti. Parlando del suo invito ai due presidenti Peres a Abbas a pregare in Vaticano per la pace, Francesco ha specificato che non si tratterà di una mediazione, ma di un vero momento di preghiera: «Io prego tanto il Signore perché questi due dirigenti, questi due governi abbiano il coraggio di andare avanti. Questa è l’unica strada per la pace».

IL CAMMINO DELL’UNITA’. Con il patriarca Bartolomeo «abbiamo parlato dell’unità: ma l’unità si fa nella strada, l’unità è un cammino. Noi non possiamo mai fare l’unità in un congresso di teologia», si tratta di «camminare insieme, pregare insieme, lavorare insieme». «Con Bartolomeo parliamo come fratelli! Ci vogliamo bene, ci raccontiamo difficoltà del nostro governo. E, una cosa di cui abbiamo parlato abbastanza è il problema dell’ecologia. Lui è molto preoccupato: anche io. Abbiamo parlato abbastanza di fare insieme un lavoro congiunto su questo problema».

ECONOMIA E SCARTI. In un «vero» sistema economico, «al centro dev’esserci l’uomo». E «oggi invece c’è l’economia», che genera «questa cultura dello scarto dove non servono i bambini, non servono i vecchi, e adesso non servono più neppure i giovani». E «questo è gravissimo», frutto di un sistema economico «inumano», che «scarta un’intera generazione di giovani», e «per questo nella Evangelii gaudium non ho avuto paura a scrivere: questo sistema economico uccide».

SCANDALO PEDOFILIA. Papa Francesco ha risposto anche a una domanda sugli abusi su minori da parte di preti. È come tradire il Corpo del Signore, «è come fare una Messa nera», ha esemplificato. nelle indagini non ci saranno favoritismi («non ci saranno figli di papà») e «la prossima settimana ci sarà una Messa con sei o otto persone che hanno subito abusi, a Santa Marta, e poi una riunione con loro: io e loro. Su questo si deve andare avanti, avanti: tolleranza zero».

CURIA E IOR. Continua anche la riforma della Curia e Francesco ha detto che non è spaventato dagli scandali («siamo umani, peccatori tutti. E ci saranno»), il problema «è evitare che ci siano in più» e per questo serve «onestà e trasparenza». Per quanto riguarda lo Ior ha ricordato che sono stati chiusi centinaia di conti di persone che non ne avevano diritto. «Lo Ior – ha detto – è per l’aiuto alla Chiesa». Ma parlando dello scandalo che ha coinvolto il cardinale Bertone il Papa è stato molto cauto: «è ancora sotto studio, non è ancora chiaro».

SINODO SULLA FAMIGLIA. Il Papa ha parlato anche del Sinodo sulla famiglia, dicendosi dispiaciuto che ci siano state delle polemiche che hanno ridotto la discussione a una questione casistica sulla Comunione o meno ai divorziati risposati. «L’esposizione preliminare fatta dal cardinale Kasper (durante l’ultimo Concistoro, ndr) era suddivisa in cinque capitoli: quattro sulla famiglia, i suoi problemi, le sfide, gli attacchi, e il quinto sulle situazioni che si creano in queste situazioni di difficoltà, separazioni, divorzi, eccetera. A me – ha aggiunto – non è piaciuto che tante persone, anche preti, hanno detto: “Ah, il Sinodo per dare la comunione ai divorziati”. Noi sappiamo che la famiglia ha tanti problemi, è in crisi, e non vorrei che si cadesse in questa casistica». Come aveva già affermato Benedetto XVI – ha sottolineato – bisogna studiare le procedure di nullità e «chiarire che i divorziati non sono scomunicati» perché «tante volte sono trattati da scomunicati». Riguardo al celibato dei preti ha ribadito che è una regola di vita che apprezza, è «un dono per la Chiesa», ma «non è un dogma» e dunque «sempre c’è la porta aperta», anche perché ci sono già preti cattolici sposati nei riti orientali.

MARTIRI CRISTIANI. Il Pontefice ha parlato dei cristiani perseguitati: «In questo tempo ci sono più martiri che non ai primi tempi della Chiesa. In Asia, ma non solo in Asia, il problema è di tanti Paesi. Oggi ci sono più martiri cristiani che nei primi tempi. Bisogna pregare tanto per questi popoli che soffrono, la Santa Sede si adopera, ma non è facile».

DIMISSIONI PAPA. Gli è stato chiesto se anche altri Papi faranno la scelta di Benedetto XVI di dimettersi. «Io farò quello che il Signore mi dirà di fare», ha risposto. «Pregare, cercare di fare la volontà di Dio. Benedetto XVI non aveva più le forze, e onestamente, da uomo di fede, umile qual è, ha preso questa decisione. Settant’anni fa i vescovi emeriti non esistevano. Cosa succederà con i Papi emeriti? Dobbiamo guardare a Benedetto XVI come a un’istituzione, ha aperto una porta, quella dei Papi emeriti. La porta è aperta, ce ne saranno altri o no, Dio solo lo sa. Io credo che un vescovo di Roma se sente che le forze vanno giù deve farsi le stesse domande che si è fatto Papa Benedetto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe scrive:

    vabbè, per stavolta, SORVOLIAMO.

  2. Teresa scrive:

    Come al solito dice e sdice ha detto questo ma voleva dire quello etc. Ogni volta che parla c’è da tremare.Porte aperte qua porte aperte là che barba che noia!sempre con queste litanie! vorrei che le porte nella Chiesa fossero aperte anche per quelli che si fidano della parola di Cristo e subiscono anche il martirio per seguirla!Quanto a Kasper per lui Giovanni Battista è morto inutilmente per aver ammonito ad Erode che non era lecito stare con la moglie di suo fratello…..anche Giovanni Battista non ha aperto le porte evidentemente ma ci ha rimesso la testa. Poi osservavo Bartolomeo 1 mi sembra un tantino più serio è auspicabile anche nella Chiesa un pò più di serietà anzichè stare in uno spettacolo perenne con lo show man sempre in azione?

  3. Nicoletta scrive:

    La solita ricetta la famiglia ha i problemi ecco che si convocano degli illuminati per dare picconate alla parola di Cristo e i problemi sono risolti non con “la casistica” ma con le riunioni!Caro Papa Francesco per le famiglie preghi di più perchè voi in quelle riunioni non avete nessun potere di fare alcunchè se non quello di dare l’ennesima picconata alla parola di Cristo si ricordi che la via di Gesù è via di croce non via di accomodamenti vari questo ci hanno insegnato i santi ma voi in riunione siete più bravi dei santi avete sempre bisogno riunirvi per non risolvere nulla

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana