Google+

Papa Francesco: noi chi seguiamo? Gesù o una casistica di norme e precetti?

giugno 26, 2014 Redazione

«Gesù era un pastore! Un pastore che parlava la lingua del suo popolo, si faceva capire, diceva la verità: non negoziava mai le cose di Dio! Ma le diceva in tal modo che il popolo amava le cose di Dio. Per questo lo seguivano»

Papa Francesco, oggi nella Messa alla casa Santa Marta, ha posto questa domanda: perché tanta gente seguiva Gesù? Le folle, ha spiegato il Pontefice, «erano stupite dal suo insegnamento», cosa che invece non accadeva con altri oratori, da cui non erano affascinate. Francesco ha elencato quattro diversi tipi di predicatori, diversi da Gesù.
Innanzitutto i farisei, che «facevano della religione una collana di comandamenti e dei dieci che ce ne erano ne facevano più di trecento». Ma così trasformavano la fede in casistica, a serie di precetti da rispettare. Una casistica spesso «crudele», così che il popolo «li rispettava», ma alla fin fine non ne rimaneva affascinato. Poi c’erano i sadducei, che avevano fatto della loro fede un modo per conquistare il potere, e gli zeloti che «volevano fare la rivoluzione per liberare il popolo di Israele dall’occupazione romana». Il popolo, però, ha chiosato papa Francesco, «ha buonsenso e sa distinguere quando la frutta è matura e quando non c’è! E non li seguiva!». Il quarto gruppo, infine, era composto «da gente buona: si chiamavano gli Esseni», monaci che avevano consacrato la vita a Dio, ma il cui esempio non raggiungeva le folle.

COL POPOLO E CON DIO. Poi apparve Gesù e «le folle erano stupite: sentivano Gesù e il cuore era caldo; il messaggio di Gesù arrivava al cuore, guariva il cuore del popolo». Cristo «non aveva vergogna di parlare coi peccatori, andava a trovarli», stava in mezzo alla gente, come «il Buon Pastore». Non era «né un fariseo casistico moralista, né un sadduceo che faceva gli affari politici con i potenti, né un guerrigliero che cercava la liberazione politica del suo popolo, né un contemplativo del monastero. Era un pastore! Un pastore che parlava la lingua del suo popolo, si faceva capire, diceva la verità, le cose di Dio: non negoziava mai le cose di Dio! Ma le diceva in tal modo che il popolo amava le cose di Dio. Per questo lo seguivano».
Gesù stava in mezzo al popolo ma sempre richiamando il rapporto col Padre, Dio. Tanto più stava con la gente, tanto più era «collegato al Padre».

NOI CHI SEGUIAMO? Quindi papa Bergoglio ha posto di nuovo una domanda: «A me chi piace seguire? Quelli che mi parlano di cose astratte o di casistiche morali; quelli che si dicono del popolo di Dio, ma non hanno fede e negoziano tutto con i poteri politici, economici; quelli che vogliono sempre fare cose strane, cose distruttive, guerre cosiddette di liberazione, ma che alla fine non sono le strade del Signore; o un contemplativo lontano? A chi piace a me seguire? Che questa domanda ci faccia arrivare alla preghiera e chiedere a Dio, il Padre, che ci faccia arrivare vicino a Gesù per seguire Gesù, per essere stupiti di quello che Gesù ci dice».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Teresa scrive:

    Ancora con le casistiche?ma può un papa parlare così?poi si compiace di se stesso e continua con la “sua” ideologia
    pensa che le cose che dice siano la scoperta dell’acqua calda e le ripete

    Ma dove sono quelli che seguono cose astratte o di casistiche morali?
    Mi faccia un esempio se nell’orbe cattolico ci sia qualcuno che osserva una regola morale!una sola….please!
    me lo dica per favore chi so no quelli che seguono le casistiche morali magari ci fossero !
    semmai ci sono tanti che non ne osservano neanche una…..nè formalmente nè sostanziamente
    capovolge l’ordine delle cose

  2. filomena scrive:

    Il principio che sostiene questo Papa, a prescindere dall’argomento che affronta riguarda il metodo usato per convincere le persone. Se vuoi che uno ti segua devi rendere attraente quello che dici. Solo se il messaggio è positivo e piacevole le persone seguiranno quella strada
    Se invece è costituito solo da doveri penalizzanti hai fallito prima di cominciare
    E’ per questo che i cattolici sono sempre meno.

    • Q.B. scrive:

      Dunque i cattolici sono sempre di meno per una questione di marketing: non si riesce a rendere attraente il prodotto. Filome’, non c’è che dire, le tue analisi sono sempre esilaranti.

      • filomena scrive:

        Puoi ridere quanto vuoi anche perché io non sono dei vostri, ma questo è, e se non sei d’accordo peggio per te.

        • Q.B. scrive:

          Accidenti, anche quest’anno il prodotto non tira, non c’è appeal, dovremmo cambiare il branding o rivedere il target. Vai filome’, facci la consulenza aziendale.

          (qual’è l’emoticon per “risate a crepapelle”?)

    • Tim scrive:

      Non mi pare che Gesù dicesse cose piacevoli ma minacce di castighi, esortazioni a vendere tutto e a seguire la via del Signore predicando anche quando ” sarete perseguitAti”, pentimento e attesa della fine e del giudizio terribile ecc. Eppure lo seguivano lo stesso.

  3. Gianni scrive:

    “Gesù non negoziava mai le cose di Dio!” Ben detto vedi di fare altrettanto

  4. Cisco scrive:

    Grande Papa Francesco! Abbasso i farisei! Viva la Bellezza!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana