Google+

Papa Francesco offre la Messa per i 21 «martiri» copti uccisi dall’Isis

febbraio 17, 2015 Redazione

Intanto l’Egitto ha condotto altri sette raid sulle postazioni libiche dei jihadisti, i quali minacciano di creare il caos inviando centinaia di migliaia di profughi in Italia

libia-cristiani-stato-islamico-isis

Stamattina papa Francesco ha offerto la Messa a Santa Marta per «i nostri 21 fratelli copti, sgozzati per il solo motivo di essere cristiani». «Preghiamo per loro – ha aggiunto – che il Signore come martiri li accolga, per le loro famiglie, per il mio fratello Tawadros, che soffre tanto». Già ieri, durante un incontro in Vaticano, il Pontefice aveva detto che «il sangue dei nostri fratelli cristiani è una testimonianza che grida. Siano cattolici, ortodossi, copti, luterani non importa: sono cristiani! E il sangue è lo stesso. Il sangue testimonia Cristo. Ricordando questi fratelli che sono morti per il solo fatto di testimoniare Cristo, chiedo di incoraggiarci l’uno con l’altro. I martiri sono di tutti i cristiani».

RAID EGIZIANI. Dopo la conquista di Sirte da parte dello Stato islamico in Libia, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha ordinato raid aerei sulle postazioni dei terroristi per vendicare la morte dei 21 connazionali sgozzati dall’Isis. Nella notte, altri sette attacchi sono stati condotti dall’aviazione egiziana, causando «decine di morti».
Al-Sisi ha chiesto all’Onu di adottare una risoluzione per «un intervento internazionale in Libia». Secondo il presidente, «non c’è altra scelta, la situazione necessita una ripetizione dei raid in maniera corale».

MINACCIA PROFUGHI. Al-Baghdadi ha risposto al leader egiziano giurando vendetta e secondo una serie di intercettazioni, che gli 007 italiani ritengono attendibili, scrive il Messaggero, l’Isis potrebbe inviare sulle nostre coste per fomentare il caos 500 mila migranti. Tali dichiarazioni vanno però prese con le pinze. Innanzitutto perché i profughi arrivati in Libia da tutta l’Africa sarebbero al massimo 700 mila. Si parlerebbe dunque di inviare quasi tutti i migranti presenti nelle diverse città del paese, esaurendo così in un colpo solo un mercato miliardario. In secondo luogo, sembra che per il momento a capo del traffico umano non ci siano jihadisti vicini all’Isis. I terroristi che hanno minacciato l’Italia, dunque, potrebbero non essere in grado di portare a termine il piano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Saint-Juste says:

    Bhe mi sembra il minimo dopo tutti i caffe’ e le coccole che si e’ scambiato col suo grande amico Eugenio Scalfari. Invece di coltivare simpatici rapportini con certa gente, che pensi al suo gregge che non se la sta passando molto bene……

  2. oikos31 says:

    ma quanta gente più papista del Papa…..e che dovrebbe fare ? proclamare una crociata?

    • Menelik says:

      ….e perché no?
      Certo, non può inviare laggiù gli Svizzeri, ma fare pressioni internazionali, mobilitare le coscienze, fare “casino” perché si esca dall’indugio e ci si decida a fare qualcosa di serio.
      L’Occidente se ne sta con le mani in mano lasciando l’Egitto e la Giordania da soli.
      Questi due Stati si stanno dimostrando coraggiosi, gente con i cosidetti.
      Non come gli Europei che ormai sono un branco di gnègnè e quacquaracquà.
      Finora chi ha fatto di più per la causa del Cristianesimo sono stati gli F16 giordani.

    • Saint-Juste says:

      No una crociatia no ma almeno un caffe’ o una telefonata con il vesco di Tripoli (grande uomo) ci poteva stare. Poi magari l’ha fatta e noi non lo sappiamo. Ma da laico-laicista a me scalfari non mi e’ mai piaciuto. E’ subdolo, viscido mi fiderei piu’ di un serpent che di lui..Ma forse sono troppo romagnolo, schietto, senza peli sulla lingua per un mondo ipocrita, double-faced e falso come questo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.