Google+

Papa Francesco in Albania: Nessuno usi Dio come scudo per compiere atti di violenza

settembre 21, 2014 Redazione

Papa Francesco ha accusato gli estremisti di prendere a pretesto «la religione per le proprie azioni contrarie alla dignità dell’uomo e ai suoi diritti fondamentali, in primo luogo quello alla vita ed alla libertà religiosa»

«Nessuno pensi di poter farsi scudo di Dio mentre progetta e compie atti di violenza e di sopraffazione». Lo ha detto Papa Francesco oggi, durante l’incontro con le autorità albanesi a Tirana. Il Pontefice, nel suo viaggio pastorale in Albania, ha fatto riferimento soprattutto a quanto sta accadendo in Iraq: «Nessuno prenda a pretesto la religione per le proprie azioni contrarie alla dignità dell’uomo e ai suoi diritti fondamentali, in primo luogo quello alla vita ed alla libertà religiosa di tutti!».

NO ALL’IDOLATRIA. Nell’omelia della messa celebrata nella capitale albanese, il Papa, commentando il Vangelo, ha spiegato che Gesù «è venuto a portare nel mondo l’amore di Dio e vuole diffonderlo attraverso la comunione e la fraternità. Per questo forma subito una comunità di discepoli, una comunità missionaria, e li allena alla missione, ad “andare”. Il metodo missionario è chiaro e semplice: i discepoli vanno nelle case e il loro annuncio comincia con un saluto pieno di significato: “Pace a questa casa!”». Nella piazza gremita dedicata alla beata Teresa di Calcutta, il Pontefice si è appellato ai giovani albanesi, affinché non seguano l’idolatria del denaro, la falsa libertà individualista, le dipendenze e la violenza, ma dicano «invece sì alla cultura dell’incontro e della solidarietà, sì alla bellezza inseparabile dal bene e dal vero; sì alla vita spesa con animo grande ma fedele nelle piccole cose».

LA MISSIONE. Papa Francesco ha spiegato che nella missione dei discepoli è «rispecchiata l’esperienza missionaria della comunità cristiana di ogni tempo: il Signore risorto e vivente invia non solo i Dodici, ma la Chiesa intera, invia ogni battezzato ad annunciare il Vangelo a tutte le genti». «Nel corso dei secoli – ha continuato –, non sempre è stato accolto l’annuncio di pace portato dai messaggeri di Gesù; talvolta le porte si sono chiuse». «In un recente passato – ha detto il Papa, riferendosi alla dittatura comunista – anche la porta del vostro Paese è stata chiusa, serrata con il catenaccio delle proibizioni e prescrizioni di un sistema che negava Dio e impediva la libertà religiosa». «Coloro che avevano paura della verità e della libertà facevano di tutto per bandire Dio dal cuore dell’uomo ed escludere Cristo e la Chiesa dalla storia del vostro Paese, anche se esso era stato tra i primi a ricevere la luce del Vangelo».

I MARTIRI. Il Papa ha ricordato i decenni di sofferenze e di persecuzioni a cui sono stati sottoposti cattolici, ortodossi e musulmani: «L’Albania – ha detto il Pontefice – è stata una terra di martiri: molti vescovi, sacerdoti, religiosi e, fedeli laici, ministri di altre religioni, hanno pagato con la vita la loro fedeltà». «Non sono mancate prove di grande coraggio e coerenza nella professione della fede», ha ricordato. «Quanti cristiani non si sono piegati davanti alle minacce, ma hanno proseguito senza tentennamenti sulla strada intrapresa!». «Oggi – ha proseguito Francesco – le porte dell’Albania si sono riaperte e sta maturando una stagione di nuovo protagonismo per tutti i membri del popolo di Dio: ogni battezzato ha un posto e un compito da svolgere nella Chiesa e nella società». «Ognuno si senta chiamato ad impegnarsi generosamente nell’annuncio del Vangelo e nella testimonianza della carità; a rafforzare i legami della solidarietà per promuovere condizioni di vita più giuste e fraterne per tutti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. wavettore says:

    Il futuro di tutte le genti e quello delle nuove generazioni dipende da come e’ inteso l’Undici Settembre. Una nuova e diversificata entita’ Mondiale dovrebbe investigare circa gli autori dell’Undici Settembre.
    Non c’e’ piu’ bisogno di un altra Commissione investigativa USA come l’ultima. Inoltre un altra investigazione dovrebbe essere mossa contro il Senatore John Mc Cain dallo stesso pannello Mondiale dopo la rivelazione del fatto che si e’ incontrato con il fondatore di ISIS.

    “Questo e’ il problema. Lui (il senatore Mc Cain) si e’ incontrato con ISIS, ed ha fatto una fotografia con lui, senza sapere quello che stava succedendo a quel tempo. —Sen. Rand Paul (R-Ky.), in un intervista con il Daily Beast, il 16 Settembre.

    Quando sara’ il momento giusto per neutralizzare i traditori della razza Umana?
    Questi non sono alcuni dei tanti politici disonesti o semplici criminali di un qualche genere. Questi meritano una categoria a parte.
    Chi deve aspettare cosa per cambiare Direzione?

    Una Guerra mondiale e’ stata gia’ pianificata alle spalle di tutte le genti.

    Obama e’ sotto una forte pressione da parte di tutti i media e da parte dei tanti parlamentari USA (come Mc Cain) al soldo di Israele per coinvolgere le truppe Americane sul terreno contro ISIS per iniziare questa Guerra in vece di Israele.

    Obama riconosce la trappola Sionista e per adesso resiste dal mandare le truppe da combattimento ma riconoscera’ anche la prossima trappola?

    Questa prossima Guerra Mondiale vorra’ apparire come fosse una fra due blocchi: USA, UK ed Israele al capo di un blocco occidentale verso Russia, Cina e Paesi Arabi per un blocco orientale.

    Il Conflitto dovra’ invece essere ridefinito sin dall’inizio e combattuto soltanto pro o contro l’Uguaglianza senza distinzione di Religioni, razze o Paesi.

    Quella e’ l’unica Soluzione.

    http://www.wavevolution.org/it/humanwaves.html

    • Menelik says:

      Guarda, ho incominciato a leggere, poi ho smesso a metà.
      Fantapolitica sul tipo delle scie chimiche.
      Però ammettiamo per un solo attimo che quanto hai scritto possa essere vero (ipotesi per assurdo).
      Resta il fatto, però, che PRIMA polverizziamo l’ISIS, poi, eventualmente, si penserà al resto.
      Ma prima riversiamo sull’ISIS una grandine di fuoco che nessuno ne possa uscire incolume.
      Mai sentito parlare di agenti nervini? Funzionano anche se il terrorista indossasse la maschera antigas. Può essere un’idea.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.