Google+

Papa Francesco: «Il cuore del cristiano cresce sulla roccia, che è Cristo e non si negozia»

dicembre 15, 2014 Redazione

Il Papa avverte i cristiani: «Anche la nostra vita può diventare come quella dei farisei: deboli nel cuore, duri e ingessati fuori. Chiediamo la grazia di sentirci peccatori»

Partendo dal Vangelo del giorno, papa Francesco ha parlato durante l’omelia della Messa a Casa Santa Marta della differenza che deve esserci tra i cristiani e i farisei. Ai farisei, spiega il Papa, «non interessava la verità», perché cercavano solo il loro interesse ed «erano senza consistenza, avevano un cuore senza consistenza. E così negoziavano tutto: negoziavano la libertà interiore, negoziavano la fede, negoziavano la patria, tutto, meno le apparenze. A loro importava uscire bene dalle situazioni, approfittavano delle situazioni».

CRISTO NON SI NEGOZIA. Apparentemente «erano forti», perché rispettavano le regole, «ma al di fuori. Erano ingessati. Il cuore era molto debole, non sapevano in cosa credevano. E per questo la loro vita era, la parte di fuori, tutta regolata, ma il cuore andava da una parte all’altra: un cuore debole e una pelle ingessata, forte, dura. Gesù al contrario, ci insegna che il cristiano deve avere il cuore forte, il cuore saldo, il cuore che cresce sulla roccia, che è Cristo, e poi nel modo di andare, andare con prudenza. È il modo di andare, ma non si negozia il cuore, non si negozia la roccia. La roccia è Cristo, non si negozia».

DIGIUNO EUCARISTICO. Paragonando i farisei a molti cristiani dei giorni nostri, papa Francesco ha parlato di quando «Pio XII ci liberò da quella croce tanto pesante che era il digiuno eucaristico»: «Alcuni di voi forse ricordano. Non si poteva neppure bere un goccio d’acqua. Neppure! E per lavarsi i denti, si doveva fare in modo che l’acqua non venisse ingoiata. Ma io stesso da ragazzo sono andato a confessarmi di aver fatto la comunione, perché credevo che un goccio d’acqua fosse andato dentro. È vero o no? È vero. Quando Pio XII ha cambiato la disciplina – “Ah, eresia! No! Ha toccato la disciplina della Chiesa!” – tanti farisei si sono scandalizzati. Tanti. Perché Pio XII aveva fatto come Gesù: ha visto il bisogno della gente. “Ma povera gente, con tanto caldo!”. Questi preti che dicevano tre Messe, l’ultima all’una, dopo mezzogiorno, in digiuno. La disciplina della Chiesa. E questi farisei erano così – “la nostra disciplina” – rigidi nella pelle, ma, come Gesù gli dice, “putrefatti nel cuore”, deboli, deboli fino alla putredine. Tenebrosi nel cuore».

IL PECCATO PUÒ SERVIRE. E poiché «anche la nostra vita può diventare così», a volte, continua il Papa, «quando vedo un cristiano, una cristiana così, col cuore debole, non fermo, non saldo sulla roccia – Gesù – e con tanta rigidità fuori, chiedo al Signore: “Ma Signore buttagli una buccia di banana davanti, perché faccia una bella scivolata, si vergogni di essere peccatore e così incontri Te, che Tu sei il Salvatore”. Eh, tante volte un peccato ci fa vergognare tanto e incontrare il Signore, che ci perdona, come questi ammalati che erano qui e andavano dal Signore per guarire».

«UN CUORE SEMPLICE». La grazia finale che papa Francesco ha chiesto nella sua omelia è che il «Signore ci dia un cuore sia semplice, luminoso con la verità che Lui ci dà, e così possiamo essere amabili, perdonatori, comprensivi con gli altri, di cuore ampio con la gente, misericordiosi. Mai condannare, mai condannare. Se tu hai voglia di condannare, condanna te stesso, che qualche motivo avrai, eh? Chiediamo al Signore la grazia di questa luce interiore, che ci convinca che la roccia è soltanto Lui e non tante storie che noi facciamo come cose importanti; e che Lui ci dica – Lui ci dica! – la strada, Lui ci accompagni nella strada, Lui ci allarghi il cuore, perché possano entrare i problemi di tanta gente e Lui ci dia una grazia che questa gente non aveva: la grazia di sentirci peccatori».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Rita says:

    Ma quando si accorgono nella Chiesa delle cavolate che dice Bergoglio?

  2. Maria says:

    “Ma Signore buttagli una buccia di banana davanti, perché faccia una bella scivolata, si vergogni di essere peccatore e così incontri Te, che Tu sei il Salvatore”

    Parola di Bergoglio.

    P.S Signori cardinali grazie per avere scelto come papa un personaggio del genere…..

    • beppe says:

      diciamo che con la battuta sui gay – e qui sta proprio il punto: se uno è gay….. – la sua buccia di banana se l’è gettata per terra da solo.

  3. malta says:

    sono ufficialmente confuso

  4. MarcoL says:

    A parer mio, la disciplina della Chiesa andrebbe riportata a prima del motu proprio Sacram Communionem di Pio XII. Il digiuno ci avvicina al Signore ed è un buon banco di prova per la nostra forza di spirito.

    Non comprendo le accuse che il Papa rivolge ai preti della vecchia guardia rei, secondo lui, di esser stati duri di cuore perchè rigidi nella disciplina. Gesù che digiunò per quaranta giorni e quaranta notti era forse duro di cuore?

  5. Mauro says:

    Ma qualcuno faccia qualcosa ma come si può andare avanti così??
    Siamo al delirio
    più dice stupidaggini più è esaltato?
    è normale?

  6. Simone Dedalo says:

    Vae vobis, scribae et pharisaei hypocritae, quia similes estis sepulcris dealbatis, quae a foris quidem parent speciosa, intus vero plena sunt ossibus mortuorum et omni spurcitia!
    Sic et vos a foris quidem paretis hominibus iusti, intus autem pleni estis hypocrisi et iniquitate.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.