Google+

Papa Francesco: «Chi perde se stesso perde anche il proprio nome»

marzo 20, 2014 Redazione

«Quest’uomo, quando se ne è accorto che aveva perso il nome, aveva perso tutto, alza gli occhi e dice una sola parola: “Padre”. E la risposta di Dio è una sola parola: “Figlio!”»

Papa Francesco, nell’omelia oggi alla Messa a Santa Marta, ha commentato il passo delle scritture in cui si trova scritto: «Maledetto l’uomo che confida nell’uomo» perché egli sarà come «un tamerisco nella steppa». Al contrario, ha notato il Pontefice, come ci insegnano sempre le scritture è «benedetto l’uomo che confida nel Signore», perché «è come un albero piantato lungo un corso d’acqua». «Soltanto nel Signore – ha detto papa Francesco – è la nostra sicura fiducia. Altre fiducie non servono, non ci salvano». Chi confida in se stesso o in qualche ideologia rimane «senza orizzonti, senza porte aperte, senza finestre» e «non avrà salvezza, non può salvare se stesso».

COME TI CHIAMI? È ciò che il Vangelo cerca di spiegarci con la vicenda del giovane ricco che, ha fatto notare papa Bergoglio, è un personaggio di cui il Vangelo non riporta il nome, al contrario del povero, che sappiamo chiamarsi Lazzaro. Un fatto significativo, ha aggiunto, perché chi perde se stesso perde anche il proprio nome. «Questa è la maledizione più forte di quello che confida in se stesso o nelle forze, nelle possibilità degli uomini e non in Dio: perdere il nome. Come ti chiami? Conto numero tale, nella banca tale. Come ti chiami? Tante proprietà, tante ville, tanti… Come ti chiami? Le cose che abbiamo, gli idoli. E tu confidi in quello, e quest’uomo è maledetto».

MA C’E’ SEMPRE UNA POSSIBILITA’. La tentazione di ritenersi padroni della propria vita e del proprio destino è ciò che ci porta all’infelicità. «Oggi, in questa giornata di Quaresima – ha proseguito papa Francesco -, ci farà bene domandarci: dove è la mia fiducia? Nel Signore o sono un pagano, che confido nelle cose, negli idoli? Ancora ho nome o ho incominciato a perdere il nome».
Ma, alla fine, esiste una possibilità di redenzione per tutti. «C’è sempre una possibilità», ha chiosato il Santo Padre. «Quest’uomo, quando se ne è accorto che aveva perso il nome, aveva perso tutto, alza gli occhi e dice una sola parola: “Padre”. E la risposta di Dio è una sola parola: “Figlio!”. Questa parola è più che magica, è forte: “Padre”. Lui sempre ci aspetta per aprire una porta che noi non vediamo e ci dirà: “Figlio”. Chiediamo al Signore la grazia che a tutti noi ci dia la saggezza di avere fiducia soltanto in Lui, non nelle cose, nelle forze umane, soltanto in Lui».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana