Google+

Papa Francesco ai ciechi e ai sordomuti: «Proprio i più fragili sono i testimoni dell’incontro con Cristo»

marzo 29, 2014 Redazione

Il Pontefice ha ricevuto in udienza migliaia di non vedenti e non udenti e ha detto loro che Gesù privilegia i «malati e disabili»

Papa Francesco ha parlato questa mattina a migliaia di ciechi e sordomuti, ricevendo in udienza nell’Aula Paolo VI il Movimento Apostolico Ciechi e la Piccola Missione Sordomuti. Davanti a loro, e ai loro familiari e accompagnatori, il Pontefice ha ripreso l’episodio evangelico del dialogo tra Gesù Cristo e la samaritana, sottolineando come il Signore privilegiasse le persone «emarginate, escluse e disprezzate».

IL CIECO NATO. «Pensiamo a tanti che Gesù ha voluto incontrare», ha detto papa Francesco, «soprattutto persone segnate dalla malattia e dalla disabilità, per guarirle e restituirle alla piena dignità». Proprio queste persone, ha spiegato il Santo Padre, «diventano testimoni di un nuovo atteggiamento, che possiamo chiamare cultura dell’incontro». Il Pontefice ha quindi preso a esempio il cieco nato, il cui incontro con Cristo sarà riproposto nel Vangelo di domenica: «Era cieco dalla nascita ed era emarginato in nome di una falsa concezione che lo riteneva colpito da una punizione divina», ha ricordato il Papa, sottolineando che Gesù invece «rifiuta radicalmente questo modo di pensare – ma che è un modo veramente blasfemo! Gesù rifiuta questo – e compie per il cieco “l’opera di Dio”, dandogli la vista. Ma la cosa notevole è che quest’uomo, a partire da ciò che gli è accaduto, diventa testimone di Gesù e della sua opera, che è l’opera di Dio, della vita, dell’amore, della misericordia».

LE DUE CULTURE. Al contrario i farisei, ha proseguito il Santo Padre «dall’alto della loro sicurezza» giudicano «peccatori» tanto il cieco nato quanto Cristo. È questo il momento il momento della testimonianza. Infatti «il cieco guarito, con semplicità disarmante, difende Gesù e alla fine professa la fede in Lui, e condivide anche la sua sorte», cioè l’esclusione, ha detto papa Francesco. Ma per questo ha ricevuto un premio molto più importante dell’approvazione dei farisei, perché «in realtà, quell’uomo è entrato a far parte della nuova comunità, basata sulla fede in Gesù e sull’amore fraterno», ha detto il Pontefice. «Ecco le due culture opposte. La cultura dell’incontro e la cultura dell’esclusione, la cultura del pregiudizio». E proprio i fragili e gli esclusi, ha ribadito in conclusione il Papa, sono i privilegiati da Cristo: «La persona malata o disabile, proprio a partire dalla sua fragilità, dal suo limite, può diventare testimone dell’incontro: l’incontro con Gesù, che apre alla vita e alla fede, e l’incontro con gli altri, con la comunità. In effetti, solo chi riconosce la propria fragilità, il proprio limite può costruire relazioni fraterne e solidali, nella Chiesa e nella società». Infine l’esortazione: «Lasciatevi incontrare da Gesù», l’unico che libera il cuore «dalla chiusura e dal pessimismo sterile e aprirlo alla vita e alla speranza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. beppe says:

    ho letto e in parte condiviso gli articoli di gnocchi e palmaro. non amo la eccessiva personalizzazione e mi da perfino fastidio quando invece di PAPA FRANCESCO anche nelle telecronache si dice : aspettiamo francesco, arriva francesco. ma gli incontri di papa francesco con i disabili e sofferenti in genere mi commuovo fin quasi alle lacrime. essi meritano tutto il tempo e l’attenzione che il papa può dare loro. . i sani e forti hanno però bisogno di parole chiare e forti e non solo di emozioni ( che servono pure, ma non bastano, come ci ha insegnato bene l’apparente distanza di papa benedetto ).

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.