Google+

Palmira, Rutelli: «Ricostruiremo quello che l’Isis ha distrutto»

gennaio 21, 2017 Leone Grotti

I jihadisti hanno demolito parte del sito siriano patrimonio dell’Unesco. Intervista a Francesco Rutelli: «È perversione iconoclasta»

«Non permetteremo che a Palmira rimanga un buco come in Afghanistan. Quello che l’Isis ha distrutto, lo dobbiamo ricostruire». Francesco Rutelli è «addolorato e indignato» per la «crudele esecuzione» di 12 persone nell’antica città siriana e parlando con tempi.it condanna «la perversione iconoclasta dei terroristi», che ha distrutto un’altra parte del sito archeologico patrimonio dell’Unesco.

PATRIMONIO UNESCO. Ieri l’agenzia Sana ha riferito che lo Stato islamico ha «distrutto la facciata dell’anfiteatro romano e le 16 colonne del Tetrapilo», due dei monumenti più importanti del sito archeologico, situato nella provincia di Homs, nel centro del paese. I jihadisti avevano conquistato Palmira, dove si trovano meravigliose rovine dell’Impero romano risalenti al I e II secolo d.C. nel maggio del 2015. Qui avevano fatto saltare in aria il tempio di Bel-Shamin. Riconquistata dall’esercito siriano con l’aiuto dei russi a marzo, la città è stata di nuovo ripresa dall’Isis a dicembre.

«SALVARE VITE E CULTURA». «Si conferma la spasmodica attenzione dei terroristi per l’aspetto mediatico», commenta Rutelli. «La distruzione di questo patrimonio artistico irripetibile, dove sono state appositamente massacrate delle persone, dimostra che l’impegno per salvare vite umane e porre fine alla guerra non può essere separato da quello per la protezione del patrimonio culturale di un paese come la Siria».

LA MOSTRA AL COLOSSEO. Come presidente dell’Associazione “Incontro di civiltà”, Rutelli è impegnato da anni in questo campo e l’anno scorso ha curato la mostra di successo “Rinascere dalle distruzioni”, che ha portato al Colosseo tra ottobre e dicembre la ricostruzione a grandezza naturale di tre manufatti distrutti o danneggiati dall’Isis in Siria e Iraq. Tra questi, oltre al toro androcefalo alato di Nimrud e a una sala dell’archivio di Stato di Ebla, c’era anche il soffitto del Tempio di Bel, distrutto a Palmira.

«RICOSTRUIREMO». «Quando sarà finita questa guerra e nella regione sarà di nuovo garantita la sicurezza non permetteremo che a Palmira resti un grande buco», conclude Rutelli. «Oggi è il giorno del dolore ma andremo a ricostruire quanto è stato distrutto, con l’aiuto delle autorità locali e internazionali. L’Italia è già pronta per far tornare Palmira al suo antico splendore».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.