Google+

Pallone d’Oro. Giusto premiare Messi il “perdente”?

gennaio 7, 2013 Emmanuele Michela

Stasera si assegna il Pallone d’Oro e la Pulce è la grande favorita, nonostante nel 2012 non abbia vinto praticamente nessun trofeo. Ma con il calcio melenso del Barça la Fifa ci va a nozze.

Si rischia il poker di Leo Messi. Sarebbe l’ennesimo traguardo superato della Pulce, già arrivata là dove nessuno aveva messo piede (91 gol in un anno solare, più di Gerd Muller) e ora pronta a fare il passo che nessuno aveva fatto, oltre i primati di Johann Cruijff, Platini e Van Basten, tutti fermi a tre. Stasera si assegna il Pallone d’Oro, terza edizione da quando il premio si è fuso col Fifa World Player, unendo così in un’unica giuria i giornalisti francesi di France Football ai tecnici e capitani di tutte le Nazionali appartenenti alla Fifa.

PODIO VISTO E RIVISTO. Nessun colpo di scena insomma. O per lo meno non sulla carta, dove l’argentino è dato come grandissimo favorito rispetto agli altri due finalisti, ossia il compagno di squadra Iniesta e il rivale madridista Cristiano Ronaldo. Il tutto rischia di trasformarsi nella solita serata noiosa in salsa Fifa, a celebrare il calcio melenso di casa Spagna, dove sarebbe bastato vedere il derby di ieri tra Barça ed Espanyol (4-0 in 28 minuti) per capire quanto esaltante possa essere giocare un’intera stagione così. Delle vicende esaltanti qui, invece, non c’è nemmeno traccia: nessuno spazio per l’epica vittoria in Champions del Chelsea di Di Matteo e per i gol pesanti del suo trascinatore Drogba, nessuna menzione per il 2012 stratosferico del filosofo bianconero Andrea Pirlo, ideologo dello scudetto juventino e dell’impresa Italia agli Europei, arrestatasi solo in finale. E anche Cristiano Ronaldo sembra avere poche speranze, nonostante il suo Real Madrid al Barcellona abbia fatto vedere i sorci verdi nella stagione 2011-12.

FORMULE CAMBIATE? Qualche anno fa per vincere il Pallone d’Oro era fondamentale aver portato a casa una qualche Coppa, essere risultato decisivo nella vittoria di qualche trofeo di prestigio con la propria squadra o la propria nazionale. Capitava così che a vincerlo ci riuscissero anche giocatori come Sammer o Cannavaro, premiati per le imprese sportive portate a termine in quell’anno: grandi calciatori certo, ma che difficilmente sarebbero arrivati a tale titolo se paragonati ad altri giocatori per talento. Dal 2010 sembra che questa regola non scritta sia stata cancellata del tutto, per premiare invece chi ha più classe in assoluto. E così il premio è diventato esclusiva del Barcellona: quell’anno a nessuno sembrò interessare il triplete dell’Inter e ci si scordò di mandare sul podio Milito o Snejider, a vantaggio dei vari Messi, Iniesta e Xavi. Con le candidature di quest’anno, i piazzamenti sul podio finiti in Catalogna sono 7 su 9 disponibili.

E SE IL PREMIO ANDASSE A INIESTA? Aspettiamoci quindi di vedere l’ennesima strombazzata per la Pulce, mai così tanto realizzativa quest’anno quanto inconcludente col suo Barça, che nel 2012 ha vinto solo una Coppetta de Re. Forse verrà premiato anche perché, finalmente, Messi ha iniziato a far sentire il suo peso non soltanto attorniato dai galattici compagni blaugrana, ma anche con la maglia dell’Argentina, tante volte un po’ stretta su di lui. Pesano molto di più qui i paragoni con Maradona, pesa la responsabilità di tentare di imporre un gioco fin troppo simile a quello del Barcellona, seppur con un organico di tutt altro spessore. Chi invece di quella squadra è riuscito a trapiantare il gioco di Guardiola nella sua Nazionale è Iniesta, che con la Spagna ha vinto un Europeo giocando praticamente senza attaccanti. Forse per un anno si potrebbe andare in controtendenza, dimenticarsi delle 91 reti di Messi e premiare chi ogni volta riesce a mandarlo in gol.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana