Google+

Pakistan, processo all’assassino del politico che difese Asia Bibi. Protestano gli estremisti: «È un eroe dell’islam»

gennaio 28, 2015 Leone Grotti

Dopo oltre tre anni, ieri si è tenuta la prima udienza d’appello per Mumtaz Qadri, che ha confessato di aver ucciso il governatore musulmano del Punjab Salman Taseer

pakistan-islamisti-manifestazione-pro-qadri-punjab-shutterstock_68658259

«Se Mumtaz Qadri non sarà assolto e rilasciato ci saranno conseguenze disastrose». Così centinaia di estremisti islamici hanno minacciato giudici e governo fuori dall’Alta corte di Islamabad, dove ieri si è tenuta la prima udienza del processo di appello a Mumtaz Qadri. L’uomo nel 2011 ha assassinato il governatore del Punjab Salman Taseer e poi si è costituito, confessando di averlo fatto perché il politico musulmano aveva difeso Asia Bibi e voleva cambiare la legge sulla blasfemia.

asia-bibiL’OMICIDIO. Il 4 gennaio 2011 Qadri ha ucciso l’uomo a cui doveva fare da guardia del corpo in un mercato di Islamabad. Taseer, influente politico musulmano, si era espresso in favore di Asia Bibi, cattolica condannata a morte per false accuse di blasfemia e in carcere da oltre duemila giorni. Qadri è stato condannato a morte in primo grado nell’ottobre del 2011 ma fino a ieri non si era ancora svolto il processo di appello.

«NON ABBIAMO PAURA». I giudici dell’Alta corte di Islamabad, che hanno aggiornato il caso al 3 febbraio, hanno detto di essere pronti a «tenere udienze ogni giorno, perché è importante non dare l’impressione che i giudici stiano rimandando il caso perché hanno paura». Il sospetto è più che fondato, visto che il giudice che ha condannato Qadri è stato costretto dagli estremisti islamici a lasciare il Pakistan dopo ripetute minacce di morte.

«QADRI È UN EROE». Le centinaia di uomini che ieri hanno protestato davanti al tribunale considerano Qadri un «eroe» che ha difeso l’onorabilità dell’islam. Secondo quanto dichiarato in un comunicato dall’avvocato cristiano Sardar Mushtaq Gill, «se Qadri sarà assolto allora la paura e l’insicurezza aumenteranno in Pakistan: sarebbe un lasciapassare all’intolleranza religiosa e all’impunità».

ATTACCATA SCUOLA CRISTIANA. Sia l’una che l’altra sono purtroppo caratteristiche del Pakistan. Nei giorni scorsi centinaia di studenti sono scesi in piazza per manifestare contro le vignette su Maometto pubblicate da Charlie Hebdo. Durante la protesta, la folla ha fatto irruzione in una scuola cristiana per chiederne la chiusura. Gli assalitori hanno rotto vetri, banchi e sedie. La scuola ha già riaperto ma si può star certi che nessuno verrà condannato per l’aggressione.

In alto, foto Pakistan da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Raider scrive:

    Un eroe, si capisce! Che è quello che viene detto degli islamici assassini di Charlie Hebdo. eroi, per alcuni, nemmeno pochi, per la verità; mentre per i complottisti paranoici, i massacratori/vendicatori della barba di Maometto sono vittime dei servizi segreti occidentali che li convincono a queste missioni suicide allo scopo di fare degli islamici “doppiamente vittime.”
    La follia umana degli uni e degli altri sarebbe poca cosa, se non fosse che abboccano quei cristiani che, sì, un po’, se la prendono per Asia Bibi, poveretta! – e i complottisti dicono che la colpa è di una legge voltuta dagli americani! Che nessuno stinco di islamico chiede sia abolita: per colpa degli israeliani! -: ma, se si tratta di gente che vive in un Paese libero, allora, no! è sempre colpa degli occidentali, che andiamo cercandocela con la scusa che viviamo in uno Stato non (ancora) islamico.

  2. Filippo81 scrive:

    Ragazzi non parliamo male del Pakistan, altrimenti obama, cameron , il nostro renzi,ecc., si inca,,ano !|

  3. Sebastiano scrive:

    Aspettiamo fiduciosi che arrivino i soliti “maitre à penser” che ci spieghino come e perché “questo non è vero islam”. Probabilmente qualcuno si arrischierà a dire che “sono solo pochi facinorosi” e menate simili.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana