Google+

Pakistan, giravolta dell’imam che aveva aiutato i cristiani: «Non possiamo rilasciare i blasfemi»

aprile 18, 2014 Redazione

Hanno destato scalpore in Pakistan queste parole dell’influente imam Allama Tahir Ashrafi che si era speso per Rimsha Masih

pakistan-Allama-Tahir-Ashrafi«Non possiamo rilasciare i blasfemi». Hanno destato scalpore in Pakistan queste parole dell’influente imam Allama Tahir Ashrafi sui processi per false accuse di blasfemia che riguardano i cristiani Asia Bibi, Sawan Masih, Shafqat e Shugufta Emmanuel.

CRISTIANI PREOCCUPATI. Il presidente del Pakistan Christian Congress, Nazir Bhatti, si è detto preoccupato perché «Allama Tahir Ashrafi è un religioso musulmano davvero illuminato e i cristiani del Pakistan non dimenticheranno mai l’aiuto che ci ha dato nel caso di Rimsha Masih, la cristiana affetta da sindrome di Down che era stata erroneamente accusata di blasfemia a Islamabad. Ma le sue ultime parole sugli accusati di blasfemia sono sorprendenti e devono essere chiarite».

«PAROLE OFFENSIVE». «Le sue parole hanno offeso milioni di cristiani – continua Bhatti – perché le vittime di blasfemia in carcere hanno negato di aver diffamato il profeta Maometto e i loro casi stanno facendo il loro corso in tribunale».
Le parole dell’imam hanno poi stupito i cristiani perché «ci ricordiamo ancora quando nell’Islamic Ideology Council ha chiesto di porre fine all’abuso della legge sulla blasfemia, attirandosi numerose critiche».

Sawan-MasihIN QUATTRO A PROCESSO. I cristiani condannati a morte in Pakistan sono attualmente quattro: Asia Bibi, il cui processo di appello è stato rinviato già tre volte, Sawan Masih (foto a fianco), accusato da un amico musulmano per delle parole mai pronunciate e per il quale è partita la campagna di raccolta firme  “Salviamo Sawan Masih”, Shafqat e Shagufta Emmanuel, coppia accusata di aver inviato un sms blasfemo che però è partito da un telefono non registrato a loro nome.

PRESSIONI SULLA SOCIETÀ. La legge sulla blasfemia è un tema critico in Pakistan. Nonostante venga abusata e oltre il 90 per cento delle persone accusate siano scagionate, gruppi di fondamentalisti fanno pressioni sulla società e sui giudici dei tribunali perché condannino i cristiani e i musulmani incriminati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Ellas scrive:

    Sai musulani non ci si può aspettare nulla di diverso. E state attenti, perchè fate entrare in Europa gente così. gente capace anche di farsi saltare o far saltare i propri figli. Niente controlli ed ecco le belle persone che volete.

    Gesù disse porgi l’altra guancia, ma non ha mai specificato in che modo.

  2. Antonio scrive:

    questo mentre noi siamo obbligati a raccattare la loro feccia clandestina anche in mare, traghettarla in casa nostra, alloggiarla, mantenerla e stare attenti ad ottemperare ad ogni loro arrogante pretesa.

  3. Antonio scrive:

    queste facce orrende alla abu omar non dovrebbero proprio entrare, altro che piantare grane, pretendere, insozzare casa nostra. L’immigrazione di questa fezza è il vero cancro da combattere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana