Google+

Pakistan. Di nuovo libera Fouzia, la cristiana rapita da un musulmano, sposata e convertita a forza

marzo 1, 2017 Leone Grotti

La donna di 31 anni, madre di tre figli, è stata violentata e picchiata più volte in prigionia. «Ho tentato anche il suicidio, ma Dio non mi ha mai abbandonata»

pakistan-fouzia-sadiqeÈ stata liberata per la seconda volta dal suo aguzzino musulmano e ora si trova al sicuro in una località segreta. La speranza è che questo possa essere il capitolo definitivo del calvario di Fouzia Sadiqe, cristiana di 31 anni e madre di tre figli, residente nell’area di Pattoki, nel Punjab pakistano.

SPOSATA E CONVERTITA A FORZA. Tempi.it ha già parlato più volte di questa donna, rapita nel luglio del 2015 dal suo datore musulmano di 61 anni, Muhammad Nazir, per il quale lavora anche tutta la famiglia di Fouzia. La donna dopo il sequestro è stata costretta a convertirsi all’islam e a sposare Nazir. L’8 marzo, grazie all’impegno di una ong cristiana, Fouzia era stata liberata e nascosta. Dopo la fuga, aveva dichiarato di «essere stata violentata più volte ma di non avere mai perso la fede in Gesù».

FAMILIARI “RAPITORI”. L’anno scorso, però, era stato annunciato a marzo che Fouzia era stata di nuovo rapita da Nazir. In realtà, ha rivelato oggi la British Pakistani Christian Association (Bpca), la famiglia era stata costretta a restituire la donna al datore di lavoro musulmano dopo che questi aveva sporto denuncia accusando i familiari di rapimento, essendo ormai la donna legalmente sposata con lui. Dopo aver ricevuto minacce di morte, la famiglia non ha potuto fare altro che cedere.

DI NUOVO LIBERA. Ieri Bpca ha dato una bella notizia: Fouzia è stata di nuovo liberata, il 27 ottobre, e portata in un luogo sicuro. L’associazione ha aspettato più di quattro mesi prima di diffondere la notizia per garantire alla donna e alla famiglia protezione. Durante la sua prigionia, ha rivelato l’associazione, Fouzia è stata picchiata e violentata più volte. «Pensavo che Dio mi avesse abbandonato e ho provato a suicidarmi», sono le parole della donna. «A un certo punto ho smesso di pregare e ho cominciato a odiare me stessa. Pensavo di essere cattiva e di aver fatto qualcosa di male per attirarmi l’odio di Dio».

IL TENTATO SUICIDIO. A causa dei continui abusi sessuali subiti, «mi sentivo sporca perché il mostro (Nazir, ndr) mi costringeva a fare cose di cui mi vergognavo. Ma non avevo scelta». Continua Fouzia: «Il fondo l’ho raggiunto quando ho provato a suicidarmi ma non ci sono riuscita perché Nazir mi ha portato in tempo all’ospedale. In quell’occasione, mi ha fatto togliere le ovaie, così ora non potrò più avere figli. Non potevo neanche uccidermi, mi sentivo impotente. È allora che ho capito che da sola non sarei mai uscita da questa situazione. Ho chiesto perdono a Dio per non avere avuto fiducia in lui e ho ricominciato a pregare. Solo mentre pregavo mi sentivo in pace».

«DIO NON MI HA ABBANDONATA». Quando un cugino è riuscito a farle avere un telefono cellulare, grazie al quale ha organizzato la fuga insieme a Bpca, «mi sono resa conto che Dio non mi aveva mai abbandonata. È sempre stato con me. Ora prego solo di essere liberata dal matrimonio forzato al quale sono incatenata». Ed è per assumere un avvocato che l’aiuti ad annullare legalmente il suo matrimonio con Nazir che Bpca sta cercando di raccogliere duemila dollari.

ALMENO MILLE ALL’ANNO. La storia di Fouzia purtroppo non è isolata. Casi simili sono molto comuni in Pakistan, dove ogni anno almeno mille donne appartenenti a minoranze religiose vengono rapite dai musulmani e convertite a forza all’islam. Il dato è in crescita, visto he un rapporto del 2013 parlava invece di 700 sequestrate all’anno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana