Google+

Pakistan, a morte per blasfemia il cristiano Sawan. «Un complotto per cacciare i cristiani dal mio quartiere»

marzo 28, 2014 Redazione

Masih è stato condannato alla pena capitale dal tribunale di Lahore. L’anno scorso le accuse contro di lui scatenarono la folla dei musulmani estremisti nell’insediamento cristiano di Joseph Colony

Ieri il tribunale di Lahore, Pakistan, ha condannato a morte Sawan Masih in base alla famigerata legge sulla blasfemia. Sawan, un cittadino cristiano non ancora trentenne e residente nel quartiere Joseph Colony di Lahore, è in carcere dall’anno scorso, quando è stato arrestato con l’accusa, da parte di un amico, di avere insultato il profeta Maometto durante un alterco con lui. Uno dei suoi avvocati difensori, Naeem Shakir, ha raccontato all’agenzia Afp che la sentenza gli è stata letta in galera, e che il prossimo passo del condannato sarà «fare appello all’Alta Corte di Lahore».

LEGGE VERGOGNOSA. Tutti gli organi di stampa sottolineano oggi che comunque in Pakistan vige dal 2008 una moratoria de facto per la pena di morte e che «solo una persona è stata giustiziata da allora». La sottolineatura tuttavia non lascia affatto tranquilli i cristiani, che da sempre protestano contro la legge sulla blasfemia non solo perché prevede reati durissimi per chi offende l’islam (se non è pena di morte, sono comunque anni di carcere o addirittura ergastolo), ma soprattutto perché è spesso utilizzata fraudolentemente contro di loro anche per regolare questioni personali. Senza contare i casi estremi come quello del cittadino britannico malato di mente condannato alla pena capitale nel gennaio scorso per le sue farneticazioni anti-musulmane.

GLI SCONTRI A JOSEPH COLONY. Per altro il caso di Sawan Masih è doppiamente emblematico perché un anno fa – come tempi.it ha raccontato all’epoca in questo articolo – in seguito alle accuse rivolte a lui dall’amico scoppiarono disordini violentissimi Joseph Colony. Più di tremila musulmani infuriati invasero l’insediamento cristiano dando alle fiamme 178 case, una dozzina di negozi e due chiese. Per oltre 400 famiglie cristiane non rimasero che ceneri. Molte altre, terrorizzate, abbandonarono il quartiere. Sawan ha sempre respinto le imputazioni denunciando l’intera vicenda come un complotto volto a svuotare la zona per renderla oggetto di speculazione. Lo ricorda il New York Times con le parole dello stesso condannato: «Hanno escogitato una cospirazione per cacciare i residenti dall’insediamento. Hanno inventato un caso e lo hanno fatto portare in tribunale da una persona a me vicina. Sono innocente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Chris says:

    Mah, a me tutto questo vittimismo non piace. Quando si è ospiti in un’altra nazione bisogna avere rispetto della cultura/religione degli altri.

    • diabolik says:

      togliete la grappa a Chris , ormai è al delirio alcoolico ! ah ah ah

    • augusto says:

      ah Chris,i cristiani in Pakistan sono pakistani a tutti gli effetti, altro che ospiti,o sono per caso americnai ?

      • Chris says:

        Infatti. motivo in più affichè una piccola minoranza non cerchi di imporre il proprio credo al resto della comunità. dovrebbero essere piu discreti e cercare di non mettere a disagio i musulmani.

        • augusto says:

          Chris, la tua genialità non ha confini, il problema è che gli islamisti pakistani odiano i loro connazionali cristiani per il semplice fatto che esistono, in Pakistan i cristiani non vogliono imporre proprio nulla, ma chiedono solo di VIVERE.Comunque voi la pensate come gli islamisti, l’unico cattolico buono è quello morto, quindi inutile perdere tempo e ricordati che troverete sempre più persone disposte ad impegnarsi contro la società violenta e totalitaria che voi sognate.

  2. filippo says:

    Chris, svegliati!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.