Google+

Pakistan, 16enne cristiano accusato di blasfemia. Imam: «Condannatelo o lo uccidiamo»

luglio 20, 2017 Leone Grotti

Il giovane Shahzad avrebbe fatto commenti blasfemi dopo il tentativo di un collega di convertirlo a forza all’islam. Gli altoparlanti delle moschee hanno chiamato i musulmani a raccolta per ucciderlo

epa04482446 Pakistani members of the Christian minority shout slogans during a protest against the killing of a Christian couple who were burnt alive for alleged blasphemy, in Kot Radha Kishan, in Karachi, Pakistan, 09 November 2014. An angry mob on 05 November, burnt alive Shahzad Masih and his wife Shama Shahzad, a Christian couple in a village in Kot Radha Kishan for allegedly desecrating the Muslim holy book the Koran, police said, in another incident highlighting persecution of religious minorities. Police have arrested around 50 people after the provincial chief minister ordered an investigation into the incident, police said.  EPA/SHAHZAIB AKBER

Un cristiano di 16 anni è stato accusato di blasfemia in Pakistan per presunti insulti nei confronti di Maometto e ora rischia la vita. Il giovane Shahzad, che lavora come spazzino nell’ospedale della città di Dinga, nel Punjab, è stato portato dagli agenti in un luogo sconosciuto per paura che la stazione di polizia venga assaltata dai musulmani inferociti.

LA DENUNCIA. A denunciare il 15 luglio il giovane cristiano per blasfemia è stato Nadeem Ahmed, proprietario musulmano di un negozio di articoli elettrici. L’uomo non ha visto né sentito nulla, ma ha sporto denuncia dopo che un amico l’ha informato che Shahzad avrebbe pronunciato parole blasfeme. Poiché i casi di blasfemia sono estremamente sensibili in Pakistan, il giorno stesso la polizia ha arrestato il giovane e quello successivo l’ha portato in una località sconosciuta.

CONVERSIONE FORZATA. Secondo l’accusa, durante una discussione a sfondo religioso con un musulmano di nome Ishtiaq Qadri, Shahzad avrebbe esternato commenti blasfemi, cosa che non aveva mai fatto in precedenza, a detta della famiglia. Secondo i familiari e gli amici di Shahzad, la discussione è avvenuta il 13 luglio, quando Qadri ha cercato di convertire a forza il giovane all’islam. L’uomo, che appartiene al gruppo estremista Tehreek-e-Tuhafaz, dopo la discussione ha trascinato a forza il ragazzo in una madrassa dove, in seguito a un pestaggio, Shahzad avrebbe confessato la blasfemia. Una folla di musulmani, tra i quali l’accusatore Nadeem Ahmed, è subito corsa alla polizia denunciando il giovane.

«CONDANNATELO O LO UCCIDIAMO». Dopo l’arresto un imam di Dinga, Gazi Saqib Shakeel, è stato intervistato in televisione e ha dichiarato: «La giustizia deve comminare a Shehzad la peggiore punizione possibile, così che in futuro nessuno osi commettere più blasfemia. Se il governo non lo punirà come si deve, noi di Tehreek-e-Tuhafaz abbiamo già giurato di ucciderlo con le nostre mani perché non possiamo sopportare che il Profeta venga insultato».
Il 17 luglio la famiglia di Shahzad, che vive insieme agli altri 150 cristiani in una colonia degradata di Dinga, che conta in tutto 80 mila abitanti, è dovuta scappare. Nonostante l’arresto del ragazzo, dagli altoparlanti di una moschea locale l’imam ha chiamati a raccolta i musulmani per uccidere Shahzad e la sua famiglia. Nel frattempo il fratello dell’indagato ha chiesto alla polizia dove abbia portato Shahzad, senza ottenere risposta.

LEGGE SULLA BLASFEMIA. In Pakistan l’accusa di blasfemia può essere punita anche con la pena di morte. Dal 1986 al 2010 sono state accusate 993 persone, in maggioranza musulmani. La legge è usata in modo strumentale, come nel caso di Nadeem, per vendette personali o per vantaggi economici. Non a caso, la stragrande maggioranza dei casi finisce con un nulla di fatto processuale. Ma la semplice accusa è sufficiente per innescare orde di musulmani pronti a punire il blasfemo. Nel 1997 centinaia di case di cristiani e quattro chiese sono state bruciate nel villaggio di Shanti Nagar, nel 2009 otto cristiani sono stati bruciati vivi, 40 case e una chiesa distrutte a Gojra, nel 2014 una coppia di cristiani è stata bruciata viva in un forno a Kot Radha Kishn da islamisti. Per non parlare del caso di Asia Bibi, in carcere dal 2009 per aver bevuto un bicchiere d’acqua.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana