Google+

«Non posso, lì c’è mio padre». Nigeria. Storia della baby kamikaze che non si fece esplodere

febbraio 13, 2016 Redazione

Una ragazzina si è tolta la giacca esplosiva ed è scappata, ma non è riuscita a convincere altre due ragazze, rapite da Boko Haram come lei, che hanno compiuto una strage

Le hanno prese, hanno avviluppato i loro corpi con potenti giacche esplosive e le hanno costrette a fingersi profughe, entrare nel campo di sfollati e farsi esplodere in mezzo ai più sfortunati e disperati della Nigeria. Quelli costretti a lasciare le loro case a causa di attentati di Boko Haram.
I piani dei terroristi islamici hanno funzionato anche questa volta, ma non del tutto. Una delle tre ragazze, infatti, si è sganciata la giacca esplosiva, l’ha buttata nei cespugli ed è scappata lontano. Prima di fuggire ha cercato inutilmente di convincere le altre due a seguirla. Ma loro, impaurite dalle possibili ritorsioni dei jihadisti, sono andate avanti per la loro strada, si sono fatte esplodere martedì nel campo profughi di Dikwa, nel nordest del paese, uccidendo 58 persone.

«ERA SPAVENTATA». La fuggitiva è sopravvissuta e tra le lacrime ha raccontato tutto alle milizie di auto-difesa del campo. «Ha detto che era spaventata perché sapeva che avrebbe ucciso delle persone», ha dichiarato all’Associated Press Modu Awami, un membro della milizia che l’ha interrogata. «Era spaventata di seguire le istruzioni degli uomini che l’hanno portata nel campo».
Non solo perché non voleva uccidere nessuno dei 50 mila residenti nel campo profughi: «Ci ha confessato che lì vive anche suo padre e temeva che morisse». La ragazza è stata rapita dal suo villaggio, nello Stato di Borno, attaccato da Boko Haram e ha vissuto per mesi insieme a centinaia di altri nigeriani sequestrati dai jihadisti. La sua testimonianza è importante perché dimostra come molti kamikaze vengano obbligati da Boko Haram a compiere gli attentati.

DIFFONDERE IL TERRORE. In Nigeria oltre il 60 per cento degli sfollati ha dovuto cambiare campo «diverse volte» perché Boko Haram, dopo aver distrutto intere città, diffonde il terrore attaccando i luoghi dove i profughi trovano un riparo di fortuna, per non lasciare loro «nessun posto dove scappare, nessun luogo dove nascondersi».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Susanna Rolli scrive:

    Mah!, chissà!! Probabilmente se ci fossero stati interessi politico-commerciali in certi Paesi del mondo certi personaggi avrebbero avuto certamente più noie nel cammin di loro vita…suppongo.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

RSS Error: A feed could not be found at http://www.red-live.it/feed/. A feed with an invalid mime type may fall victim to this error, or SimplePie was unable to auto-discover it.. Use force_feed() if you are certain this URL is a real feed.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana