Google+

«Non posso, lì c’è mio padre». Nigeria. Storia della baby kamikaze che non si fece esplodere

febbraio 13, 2016 Redazione

Una ragazzina si è tolta la giacca esplosiva ed è scappata, ma non è riuscita a convincere altre due ragazze, rapite da Boko Haram come lei, che hanno compiuto una strage

Le hanno prese, hanno avviluppato i loro corpi con potenti giacche esplosive e le hanno costrette a fingersi profughe, entrare nel campo di sfollati e farsi esplodere in mezzo ai più sfortunati e disperati della Nigeria. Quelli costretti a lasciare le loro case a causa di attentati di Boko Haram.
I piani dei terroristi islamici hanno funzionato anche questa volta, ma non del tutto. Una delle tre ragazze, infatti, si è sganciata la giacca esplosiva, l’ha buttata nei cespugli ed è scappata lontano. Prima di fuggire ha cercato inutilmente di convincere le altre due a seguirla. Ma loro, impaurite dalle possibili ritorsioni dei jihadisti, sono andate avanti per la loro strada, si sono fatte esplodere martedì nel campo profughi di Dikwa, nel nordest del paese, uccidendo 58 persone.

«ERA SPAVENTATA». La fuggitiva è sopravvissuta e tra le lacrime ha raccontato tutto alle milizie di auto-difesa del campo. «Ha detto che era spaventata perché sapeva che avrebbe ucciso delle persone», ha dichiarato all’Associated Press Modu Awami, un membro della milizia che l’ha interrogata. «Era spaventata di seguire le istruzioni degli uomini che l’hanno portata nel campo».
Non solo perché non voleva uccidere nessuno dei 50 mila residenti nel campo profughi: «Ci ha confessato che lì vive anche suo padre e temeva che morisse». La ragazza è stata rapita dal suo villaggio, nello Stato di Borno, attaccato da Boko Haram e ha vissuto per mesi insieme a centinaia di altri nigeriani sequestrati dai jihadisti. La sua testimonianza è importante perché dimostra come molti kamikaze vengano obbligati da Boko Haram a compiere gli attentati.

DIFFONDERE IL TERRORE. In Nigeria oltre il 60 per cento degli sfollati ha dovuto cambiare campo «diverse volte» perché Boko Haram, dopo aver distrutto intere città, diffonde il terrore attaccando i luoghi dove i profughi trovano un riparo di fortuna, per non lasciare loro «nessun posto dove scappare, nessun luogo dove nascondersi».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Susanna Rolli says:

    Mah!, chissà!! Probabilmente se ci fossero stati interessi politico-commerciali in certi Paesi del mondo certi personaggi avrebbero avuto certamente più noie nel cammin di loro vita…suppongo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download